OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Riccardo Tripepi

Direzione nazionale Pd, l'area Oliverio al palo

La composizione della direzione nazionale segna di fatto una sonora bocciatura per le ambizioni di Mario Oliverio. Tra gli 11 calabresi solo Enza Bruno Bossio appartiene all’area che fa capo al Governatore. Per il resto tutto renziani.

di Riccardo Tripepi
domenica 7 maggio 2017
22:56
43 condivisioni

Un investimento a perdere. L'assemblea nazionale del Pd ha scelto i 120 componenti della direzione nazionale e ha sonoramente schiaffeggiato il governatore Mario Oliverio nonostante l’accordo chiuso con i renziani e l’aver portato in dote il 50% abbondante dei consensi alle ultime primarie. Con la Calabria che è stata tra le Regioni in cui l’ex premier ha raccolto i maggiori consensi, arrivando al 75%.


Un risultato raggiunto con la benedizione del Ministro dell’Interno Marco Minniti e che sembrava aprire una fase nuova nel partito calabrese. Sembrava, appunto. Alla prima occasione ufficiale i colonnelli romani hanno fatto scattare la trappola, forse preparata da tempo, nella quale Oliverio e i suoi sono finiti con tutte le scarpe.


Nella direzione nazionale del partito entrano 11 calabresi e soltanto uno appartiene all’area che fa capo al presidente della giunta regionale: si tratta della deputata cosentina Enza Bruno Bossio, peraltro già facente parte della precedente direzione del partito. Insieme a lei lo stesso Mario Oliverio che, in quanto governatore di Regione, entra di diritto nell’organismo direttivo.


Per il resto tutto renziani. E se il segretario regionale Ernesto Magorno è entrato di diritto, così come il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà e, ovviamente, il ministro Marco Minniti, per il resto le indicazioni che arrivano da Roma sono chiare e portano i nomi del presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, da considerarsi in quota Demetrio Battaglia, e dei deputati Stefania Covello, Ernesto Carbone e Ferdinando Aiello. Tutti big renziani e assai lontani dal presidente della giunta che, di fatto, si vede commissariato nella sua provincia di appartenenza. Neanche il segretario provinciale della città bruzia, Luigi Guglielmelli, candidato capolista nel collegio nord è stato tra i prescelti.


Ma anche tra le seconde file, la scelta è andata tra i fedelissimi, come Schirripa a Reggio e Dario Costantino a Palmi. Anche nella provincia reggina ignorato il capolista oliveriano Peppe Gullì, vicinissimo alle posizioni del capogruppo del Pd in Consiglio regionale Sebi Romeo.


Ignorate completamente alcune Province, come Catanzaro, Vibo e Crotone. Nonostante ci fosse la possibilità di pescare tra deputati oliveriani di primo piano come Bruno Censore.


La composizione della direzione nazionale del Pd, insomma, segna una sonora bocciatura per le ambizioni di Mario Oliverio e della sua area autonoma. Sia per il peso dei prescelti che per la composizione geografica, le scelte romane hanno un sapore quasi punitivo per il governatore che, infatti, viene descritto su tutte le furie dagli uomini del suo entourage.


La strategia del compromesso non ha pagato. Oliverio ha sperato con la conversione ala renzismo dell'ultima ora di poter recuperare feeling con il governo nazionale, prendersi la leadership del partito calabrese e magari ottenere finalmente la gestione della sanità con la fine del commissariamento e la cacciata di Scura. Ha perseguito l’obiettivo con tanta determinazione da rinunciare anche alla formazione di una lista autonoma per Maurizio Martina, così come gli era stato garantito.


E adesso ci sarà da capire come uscire dall'angolo in cui lo hanno cacciato Matteo Renzi e Marco Minniti che, di fatto, hanno blindato il partito calabrese fiaccando ogni opposizione interna.


Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Primarie Pd, vince l'asse Oliverio/Minniti. Salta Magorno
Prossimo Articolo
AMMINISTRATIVE IN CALABRIA | La disfatta del Pd e la riscossa del centrodestra
Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: