OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Politica

Mancini sulla metrotranvia:«Gioisco per la firma, ma quanto tempo perso»

L'ex parlamentare e assessore regionale al bilancio critico: «Cittadini intossicati da polemiche inutili»

di Salvatore Bruno
martedì 13 giugno 2017
17:09
27 condivisioni
Cosenza, metro leggera
Cosenza, metro leggera

«Finalmente è stato sottoscritto l’accordo tra Regione, Provincia e comuni di Cosenza e Rende per realizzare la metro tranvia che collegherà il centro di Cosenza con l’Unical». Lo afferma Giacomo Mancini, già parlamentare socialista. Da assesore regionale alla programmazione, Mancini si preoccupò di reperire i finanziamenti necessari per la realizzazione dell'opera.

 

«Una buona notizia per i cosentini. E una bella soddisfazione per quanti fin da subito hanno creduto nel progetto e per chi dalla Regione, ha lavorato per allocare le risorse perché potesse essere realizzato. Peccato però che qualcuno abbia voluto far perdere tanto tempo ai cittadini intossicandoli di polemiche inutili, senza le quali oggi la comunità avrebbe potuto già godere di parte dell’opera.

 

E invece - ha proseguito Mancini - qualcuno ha preferito blaterare di inutilità della metro, paventare la devastazione del viale intitolato a Giacomo Mancini, discettare di sostenibilità economica dei costi di gestione. E, come se non bastassero tutte queste chiacchiere, ha raccolto firme contro, ha insinuato di torte da spartire e addirittura ha redatto interrogazioni parlamentari che vaticinavano collusioni inquietanti.

Insomma, per un tempo troppo lungo i cosentini hanno assistito ad un bla bla bla tanto inutile quanto strumentale. E hanno dovuto aspettare che arrivassero i fatti.

 

Finalmente adesso si parte. Il progetto che sarà realizzato è sempre lo stesso. Di nuovo ci sono diversi importanti interventi, che nulla hanno a che vedere con il tracciato della metro, a vantaggio di Cosenza e di Rende per i quali gran parte del merito va ascritto al presidente della giunta regionale.

Ora - ha concluso Mancini- rimane da augurarsi che insieme al cantiere parta e si affermi un approccio all’amministrazione improntato al fare e alle realizzazioni. E che rimangano a terra quanti si sono distinti solo con inutili chiacchiere».

 

Salvatore Bruno

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Amministrative a Catanzaro, il centrosinistra apre al dialogo con Fiorita
Prossimo Articolo
Guccione e Giudiceandrea presentano una legge regionale per i centri storici
Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: