OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Politica

Palmi, cinque dei sei candidati a sindaco chiedono il riconteggio dei voti (VIDEO)

A presentare ricorso il vincitore del primo turno, Giuseppe Ranuccio, Pino Ippolito, Silvana Misale, Mimma Di Certo e Aldo Trimboli mentre manca la firma di Francesco Trentinella

di Agostino Pantano
venerdì 16 giugno 2017
14:47
125 condivisioni
Il Municipio di Palmi
Il Municipio di Palmi

Cinque dei sei candidati a sindaco di Palmi, compreso il vincitore del primo turno, Giuseppe Ranuccio, hanno presentato ricorso in autotutela per chiedere il riconteggio dei voti. L’atto è stato firmato dentro il Tribunale di Palmi, indirizzato alla Commissione elettorale centrale e al prefetto di Reggio Calabria, Michele Di Bari. Gli altri ricorrenti sono Pino Ippolito, Silvana Misale, Mimma Di Certo e Aldo Trimboli, mentre manca la firma di Francesco Trentinella, il candidato che ad oggi è dato come sfidante di Ranuccio per il ballottaggio del 25 giugno.  

 

Da quel che si legge nell’atto in autotutela, sarebbero almeno 5 le sezioni in cui si sarebbero verificate ripetute discordanze.


Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Caso Sacal, Magno: “Sono sgomento”
Prossimo Articolo
Amministrative a Palmi, Trentinella non firma il ricorso
Agostino Pantano
Giornalista
Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.   Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.   È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: