OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Politica

Dopo Lamezia, Vibo e Cosenza, anche Catanzaro lascia al palo il PD

Il dato numerico inchioda il Pd alle sue responsabilità: evidentemente sia la scelta del candidato a sindaco, che i criteri adottati per la composizione delle liste non sono stati adeguati al peso e all’importanza della competizione elettorale

lunedì 12 giugno 2017
16:35
7 condivisioni

Continua a non funzionare la macchina elettorale del Pd calabrese. Dopo la vittoria alle regionali del 2014, preceduta qualche mese prima dal successo di Giuseppe Falcomatà a Reggio, è stata praticamente un’ecatombe. Almeno per quel che riguarda le grandi città della Regione. Quelle che poi saranno determinanti per le prossime regionali che cominciano ad intravedersi all’orizzonte.
Lamezia, Vibo e anche la “rossa” Cosenza hanno premiato il centrodestra nel corso degli ultimi anni. E adesso anche a Catanzaro il Pd, rappresentato dall’ex vicepresidente della giunta regionale Enzo Ciconte rischia grosso. E il tonfo, ad urne appena chiuse, sembrava ancora più grave del previsto quanto i primi exit poll davano al ballottaggio con il sindaco uscente Abramo, Nicola Fiorita e non lo stesso Ciconte.


Non è bastato, evidentemente, l’esercito delle 11 liste schierato contro le 6 liste al fianco di Sergio Abramo e le sole 3 che hanno condiviso la battaglia di Fiorita.


Il dato numerico inchioda il Pd alle sue responsabilità: evidentemente sia la scelta del candidato a sindaco, che i criteri adottati per la composizione delle liste non sono stati adeguati al peso e all’importanza della competizione elettorale.


Ad evidenziarlo è il dato del voto disgiunto che, di fatto, ha provocato il divario di quasi dieci punti percentuali accumulato da Ciconte nei confronti di Abramo.


Ma in totale il peso del voto disgiunto è pari al 13%, evidentemente perché un buon numero di elettori del centrosinistra pur avendo votato per le liste, hanno poi preferito Fiorita.


In sostanza quello che viene fuori è il basso gradimento della candidatura Ciconte che non è riuscito a scalfire lo zoccolo duro del centrodestra, raccogliendo nel complesso un 31,19%, assai deludente per chi accarezzava sogni di vittoria al primo turno.
Se si esamina poi il risultato delle liste si nota che il numero delle stesse non è stato proporzionale al successo elettorale. Le sei liste di Abramo vanno al 39%, le tre liste di Fiorita producono il 13% circa, mentre le undici liste a sostegno di Ciconte si fermano al 44%. In questo quadro risulta praticamente ininfluente la performance della candidata grillina Bianca Laura Granato che deve accontentarsi di un misero 6%. Risultato in linea con la brutta performance dei pentastellati a livello nazionale e che conferma il trend calabresi. I grillini alle elezioni amministrative nella nostra Regione, almeno fino ad oggi, non sono riusciti mai ad ottenere buoni risultati anche per il mancato radicamento sui territori.


Negli altri Comuni sopra i 15mila abitanti (Acri, Paola e Palmi) migliora la situazione per il centrosinistra che è in vantaggio ad Acri e Paola, mentre è fuori concorso a Palmi dove Ranuccio, candidatura contro i democrat, si è aggiudicato il primo turno.
Si dovrà, insomma, aspettare l’esito del turno di ballottaggio per fare i conti in maniera compiuta. Ma è chiaro che tantissimo dipenderà dal risultato del capoluogo di Regione.


E la sfida Abramo-Ciconte si presenta con un pronostico assai favorevole al primo. Per l’uscente potrebbe bastare mantenere il trend del primo turno per aggiudicarsi la partita.


Mentre per Ciconte la sfida si presenta come una vera e propria impresa. Dieci punti da recuperare e una difficoltà assai pesante nel poter pensare di potersi apparentare con il gruppo di Nicola Fiorita che è stato “scacciato” dal Pd durante la fase preparatoria delle elezioni. Anche la rottura con Arturo Bova non lascia presagire nulla di positivo e conferma le difficoltà di mediazione che Ciconte ha scontato in questa prima fase. Anche se gli sherpa Pd proveranno ad attivare la complicata mediazione già dalle prossime ore.

 

Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
AMMINISTRATIVE A CATANZARO | Costanzo e Levato recordman di preferenze (TUTTI I DATI)
Prossimo Articolo
Il capo della polizia Gabrielli all'Unical: «Il gioco d'azzardo alimenta gli appetiti della criminalità»
Riccardo Tripepi
Riccardo Tripepi
Giornalista

Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari.


Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv.


Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro.


E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: