OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Pasquale Motta

Il giornalismo dell'insinuazione non fermerà il buon giornalismo

Pubblicare una informativa dei Ros priva di qualsiasi rilevanza penale, così come ha fatto il Corriere della Calabria, corredandola di una foto e decontestualizzandola dai fatti, non è notizia, ma giornalismo d'insinuazione

di Pasquale Motta
domenica 9 aprile 2017
17:38
89 condivisioni

Considero il giornale un servizio pubblico come i trasporti pubblici e l’acquedotto. Non manderò nelle vostre case acqua inquinata”. Questa affermazione non è mia ma di un grande giornalista: Enzo Biagi. Apro questo pezzo con l’idea di giornalismo che aveva uno dei buoni maestri del giornalismo italiano, per commentare, purtroppo, l’ennesimo pezzo di uno dei cattivi maestri del giornalismo calabrese, il quale, ancora una volta (l’ennesima), manipola la notizia per trasformarla in insinuazione. Qualche giorno fa, il Corriere di Calabria, infatti, pubblica una foto del nostro editore intento a parlare all’aperto con due persone, tale foto era contenuta in un’informativa del ROS, il quale controllava i due soggetti che due anni dopo sarebbero poi risultati coinvolti nell’operazione Robin Hood, l’inchiesta che ha portato all’arresto del consigliere regionale Nazareno Salerno. L’informativa in questione, priva di rilevanza penale risultava agli atti del fascicolo dell’inchiesta.

 

La Società Pubbliemme con un comunicato ha subito chiarito i termini di quell’incontro e, comunque, il Presidente del CdA della Pubbliemme, nonché editore delle nostre testate, così come la stessa informativa faceva rilevare, non risulta assolutamente coinvolto in quella vicenda. Informativa del 2015, nessun coinvolgimento nel procedimento penale, circostanza dunque, non degna di essere considerata nemmeno una notizia. Non è finita qua, nel contesto dello stesso articolo viene menzionata un’altra inchiesta che vede coinvolta una società locale, la Publidei, agenzia pubblicitaria che acquista e rivende spazi anche dal Gruppo Pubbliemme, solo una delle numerose concessionarie che commercializzano spazi Pubbliemme, Azienda leader della cartellonistica Outdoor a livello nazionale. Anche in questo caso, nessun coinvolgimento penale e nessuna implicazione per la società Pubbliemme. Anche in questo caso, associare quell’inchiesta all’editore della nostra testata, evocando inesistenti “imbarazzi”, significa forzare, manipolare e insinuare sospetti. Tentare poi di separare il corpo giornalistico della nostra testata, dal destino del suo editore, come ha fatto il Corriere di Calabria nel commento a corredo della replica di Pubbliemme, onestamente, è risultato ridicolo e maldestro. LaCnews24 è un creatura editoriale creata dal presidente Maduli, il quale ha innovato l’informazione in Calabria,creando in pochi mesi, un network tra i più importanti del Sud e, nel quale, ci lavorano in piena libertà tra le migliori penne della nostra regione.

 

Un network sensibile all’informazione al servizio della legalità e del giornalismo antindrangheta, come testimoniano le numerose inchieste pubblicate in questi mesi e che, non hanno tralasciato o taciuto nessun aspetto sulle più grandi inchieste della nostra regione. Insinuare imbarazzi, pubblicare foto decontestualizzandole dai fatti, significa trasformare l’informazione nella costruzione della fabbrica del sospetto.

 

I giornalisti del Network de LaC, LaCnews24 ed Il Vibonese, sono assolutamente consapevoli dell’integrità morale del proprio editore. Una consapevolezza che, pensavamo fosse altrettanto chiara all’editore/direttore del Corriere di Calabria, il quale, non molto tempo fa, proprio con il nostro editore ed il suo gruppo avrebbe voluto intraprendere collaborazioni editoriali. Da quella ambizione, purtroppo, si è passati all’insinuazione. Investire nell’editoria, nella nostra regione, significa correre dei rischi. A costruire una buona editoria in Calabria, si può rischiare di trovarsi nella paradossale situazione di finire sotto il fuoco incrociato del potere politico, della ‘Ndrangheta e anche dei poteri forti di un certo giornalismo che si sente insidiato dalla crescita di prestigio di una testata giovane e indipendente che vive semplicemente dei sacrifici e sulla capacità imprenditoriale del suo giovane editore. Stiano sereni i nostri detrattori, non arretreremo di un millimetro, il nostro gruppo editoriale non arretrerà di un millimetro. E, soprattutto, il nostro giornalismo, la nostra informazione, non ha niente da imparare dai cattivi maestri dell’informazione o peggio da coloro che, pensano o si illudono, di ergersi a falsi profeti della morale nell’informazione calabrese, magari millantando rapporti privilegiati con questo o quel Magistrato.

 

Il giornalismo che tenta di manipolare, o di giocare con una foto, rischia di finire stritolato dagli stessi metodi, anche perché, una foto scomoda, in questa terra, potrebbe saltare fuori per tutti. Noi pensiamo della libertà del giornalista e del giornalismo, ciò che pensava oltre che Biagi, una grande cronista e scrittrice come Oriana Fallaci: “ogni persona libera, ogni giornalista libero, deve essere pronto a riconoscere la verità ovunque essa sia. E se non lo fa è, (nell’ordine): un imbecille, un disonesto, un fanatico.”

 

Pasquale Motta
Direttore LaC News24

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Quale proposta viene fuori dai congressi di circolo del Pd?
Prossimo Articolo
“25 aprile 2017, la Calabria ancora in attesa di essere liberata da se stessa”
Pasquale Motta
Giornalista
A questa noiosa e ipocrita lagna del clero, sulla famiglia, rispondo con una citazione di Ronald David Laing, un noto psichiatra inglese:”La famiglia si può immaginare come una ragnatela, un fiore, una tomba, una prigione, un castello.” Da dirigente comunista e diessino, sono stato un fedele soldato del Politìchesckij Bjurò ora da democratico, nell’era del “pensiero leggero”, sono un anarchico, controcorrente e provocatore. Mi stanno sulle balle,  i pomposi intellettuali post-comunisti, peggio se, con la puzza sotto il naso. Sono freddo e passionale, rosso e nero. Non mi fido delle tonache; nere, rosse, giudiziarie o clericali. Bigotti, puritani e moralisti li darei volentieri in pasto al “gorilla” di De Andrè, ai razzisti  farei fare un’esperienza in quei campi con la scritta: “il lavoro rende liberi”. Presuntuoso? Può darsi! Rompicoglioni! Certo! Se parlo, conosco, se non conosco, sto zitto! Per dirla come  Theodor W. Adorno:  “La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta. Amo questa frase di Vittorio Foa: “il sogno può accompaganre la vita ma non deve determinarla. Quando scegli non devi sognare, tu sei responsabile”. Caratterialmente mi si addice questa citazione frase di  Winston Leonard Spencer Churchill: “Combatteremo sulle spiagge, combatteremo sui luoghi di sbarco, nei campii nelle strade e nelle montagne. Non ci arrende­remo mai…”

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: