OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Pasquale Motta

EDITORIALE - Immigrazione, il nuovo business della ‘ndrangheta?

Oltre mille giunti in poche ore in Calabria. Tutto ciò pone nuovi interrogativi a chi deve governare questo processo. L’editoriale del direttore Pasquale Motta

giovedì 1 settembre 2016
15:32
Condividi

I nuovi sbarchi di immigrati a Vibo e a Reggio consegnano alla nostra costa immagini alle quali ormai siamo abituati. Visi che raccontano il dolore e la paura e che rendono sempre più inossidabile il dovere morale dell’accoglienza a queste donne, uomini e bambini che fuggono da zone di guerra e di fame. Tutto questo però pone nuovi interrogativi a chi deve governare questo processo. A chi è affidata l’accoglienza in una terra come la Calabria? Da più parti giungono voci di imprese vicine alle consorterie mafiose che si organizzano per poter sfruttare il business dell’accoglienza. Questo e altro nell’editoriale del direttore de LaC Pasquale Motta.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
EDITORIALE - Quando si rivolterà la società civile?
Prossimo Articolo
Aeroporti di Roma, il “cavallo di Troia” che potrebbe fermare la Sacal?

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: