OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Economia e Lavoro

Sorical, agrodolce il bilancio 2017

Ottimo l'utile ma esorbitanti i crediti da parte dei Comuni. Le preoccupazioni della società

di Tiziana Bagnato
mercoledì 13 settembre 2017
19:25
4 condivisioni
Sorical
Sorical

E' agrodolce per la Sorical l'analisi che viene fuori dall'approvazione del bilancio 2017, sulla base dei dati al 31 dicembre 2016. Se da un lato la società per le risorse idriche può contare su un utile di oltre due milioni 654 mila euro, che raddoppia a più riprese quello precedente,,che si era fermato ai 50 mila euro, dall'altro grande è la preoccupazione dei soci per il ritardo di pagamento delle fatture da parte dei Comuni.

 

A poco sarebbero servite insomma le riduzioni di portata idrica più volte messe in atto per sollecitare le amministrazioni a non fare orecchie da mercante. Al 30 giugno 2017 i crediti vantati dalla Sorical hanno sfiorato il tetto dei 138 milioni di euro. E non è tutto. A causa della siccità, avverte la società, il consumo di energia elettrica sta subendo un sensibile aumento per l'attivazione di pozzi e stazioni di sollevamento per soddisfare la crescente richiesta dei Comuni di incremento delle forniture. Un incremento non in linea con i pagamenti. E gli impianti devono comunque essere manutenuti. Ben 10 milioni di euro la somma spesa nel 2017 per un piano straordinario di controllo e messa a posto. Un piano finanziato con le risorse proprio della società, ora preoccupata di non riuscire a coprire quanto anticipato.

 

Il tutto in un quadro accompagnato da pennellate positive. Non solo l'utile accumulato ma anche il decremento dell'indebitamento verso le banche e verso i creditori. Ma sottolinea Sorical, “non è più procrastinabile l'attivazione del servizio idrico integrato, la separazione tra grande adduzione e distribuzione ha compromesso l'efficienza e l'efficacia della gestione del servizio e degli investimenti”.

 

Tiziana Bagnato

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Vertenza Call&Call, manifestazione a Locri
Prossimo Articolo
Auditel, Motta: «E’ l'affermazione del Network LaC, grazie ai protagonisti di questo traguardo» (VIDEO)
Tiziana Bagnato
Giornalista
Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorato nell’emittente regionale Calabria Tv e per diversi anni per il quotidiano Calabria Ora, poi L’Ora della Calabria, è approdata nell’emittente St Television e sul quotidiano Il Garantista di cui è ancora firma. 

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: