OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Economia e Lavoro

Esuberi al Porto di Gioia Tauro: «Entro tre settimane l’accordo»

Durante il vertice in Prefettura il prefetto Michele di Bari è stato perentorio. E’ stato ribadito che sono 400 gli esuberi che Mct è pronta a dichiarare, mentre il fronte sindacale ha chiesto che si scenda a 274

lunedì 13 marzo 2017
18:35
30 condivisioni

Sul numero dei lavoratori portuali in esubero, le parti rimangono ancora distanti, ma il prefetto ha dato un ultimatum: bisogna accordarsi entro tre settimane. È questo l’esito, ancora interlocutorio, della riunione del tavolo unico azienda Mct-sindacati tenutasi questa mattina a Reggio Calabria.

 

Nella trattativa di recente infiammata da 5 giorni di sciopero selvaggio, il bicchiere è mezzo pieno secondo quanto si legge in una nota della prefettura, ma serpeggiano malumori rispetto alla quota di lavoratori che il terminalista vuole espellere. Nel faccia a faccia, anche se questo i comunicati ufficiali non lo dicono, è stato ribadito che sono 400 gli esuberi che Mct ancora è pronta a dichiarare, mentre il fronte sindacale ritornato compatto ribatte chiedendo che si scenda a 274.

 

Da qui a tre settimane, però, il dado dovrà essere tratto cosi come ha imposto il prefetto Michele di Bari. I portuali che l’azienda licenzierà, come previsto da un accordo di programma firmato a roma nel giugno scorso, dovranno essere assunti per tre anni dall’agenzia pubblica che, finanziata dal governo, ancora non è stata istituita.

 

Si registra un ritardo delle istituzioni, quindi, e forse per questo alla riunione di stamattina ha partecipato anche l’assessore regionale Russo. Grande assente, ancora una volta, l’autorità portuale, ente commissariato che attende ancora dal governo il via libera alla sua trasformazione in autorità di sistema allargata ai porti di Messina e Milazzo.

 

Sempre sulla riunione in Prefettura, interviene con una nota il Coordinamento dei portuali aderente al Sul – i sindacalisti che avevano organizzato la protesta delle scorse settimane – che rivela come la proposta di aggiungere un contratto di solidarietà per una parte degli addetti abbia avuto un primo riscontro positivo nel corso del vertice.  

 

Agostino Pantano

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Idee e progetti con il crowdfunding: a Paola due giorni di workshop
Prossimo Articolo
Cosimo Allera, l’uomo che dà vita al ferro
Agostino Pantano
Agostino Pantano
Giornalista

Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.

 

Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.

 

È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: