OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Economia e Lavoro

Il naufragio della Social Innovation travolge anche i ricercatori cosentini

Bloccato da oltre un anno il progetto della Urban Generation. Inattive le infrastrutture tecnologiche montate tra Cosenza e Rende

sabato 17 giugno 2017
08:33
3 condivisioni
Social Innovation, Cosenza
Social Innovation, Cosenza

L’illusione dell’Urban Generation è durata lo spazio di poche settimane. Quelle necessarie per l’installazione dei totem previsti dal progetto vincitore del bando “Social Innovation” riservato alle regioni meridionali dell’obiettivo convergenza.

 

L’idea era quella di creare un social network nell’area urbana Cosenza-Rende, stimolando il cambiamento dei modelli comportamentali, per introdurre all’utilizzo di nuove tecnologie, in particolare sul piano della mobilità. Questi apparecchi, ce ne sono diversi tra il capoluogo bruzio, la città del Campagnano e l’Università della Calabria, dovevano connettere e stimolare i cittadini. In più, ogni totem era dotato di un defibrillatore per i casi di emergenza.

L’idea di selezionare giovani ricercatori con meno di trent’anni e di affidare loro la realizzazione di infrastrutture tecnologiche innovative nelle città del sud è del Ministero dell’Istruzione, guidato nel 2012 da Francesco Profumo.

Cinquantadue i progetti di qualità selezionati tra Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. Cinquantadue progetti miseramente naufragati: per facilitare le procedure il Ministero ha acquisito la proprietà dei beni necessari ad attuare concretamente i progetti, nel caso di Cosenza delle diverse paline ad alta tecnologia disseminate in città, rendendosi conto soltanto in una seconda fase di aver violato le norme sugli appalti.

Bisognava passare dalla Consip, la centrale a cui tutti gli organi della pubblica amministrazione devono rivolgersi per comprare beni e servizi.

 

Risultato? Fondi bloccati, progetti sospesi, aspettative tradite e decine di giovani, compresi i cosentini della Urban Generation, rimasti intrappolati in un limbo senza via d’uscita e, in qualche caso, pieni di debiti. Una beffa per i ricercatori costretti anche a cedere allo Stato i diritti di proprietà intellettuale. 

Ci hanno messo la faccia e si ritrovano con un pugno di mosche. La patata bollente adesso è nelle mani del ministro Fedeli. In attesa di individuare una soluzione però, gli apparati tecnologici innovativi rischiano di diventare obsoleti e di attrarre soltanto le ragnatele. 

 

Salvatore Bruno

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Bonifica ex Legnochimica, servono centomila euro per redigere il progetto
Prossimo Articolo
Incidente auto e mezzo pesante, un morto e 3 feriti nel Cosentino
Salvatore Bruno
Salvatore Bruno
Giornalista

Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche.


Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria.


Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: