OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cultura e Spettacolo

Reggio, a scuola si discute di economia

L’iniziativa, realizzata all’istituto “Ferraris – Da Empoli”, è stata pensata per promuovere l’educazione economica e per spingere i ragazzi a comportamenti attivi e consapevoli

mercoledì 21 dicembre 2016
15:58
1 condivisioni

Concluso  il progetto didattico "Economia, competenza di cittadinanza consapevole" all’istituto “Ferraris – Da Empoli" di Reggio Calabria promosso dalla Fenafi (Federazione nazionale delle società finanziarie) presieduta dall’avvocato Santo Alfonso Martorano.

 

L’iniziativa è stata pensata per promuovere l’educazione economica a partire dai banchi di scuola e per spingere i ragazzi di oggi, cittadini di domani, a comportamenti attivi e consapevoli. A tirare le somme su un progetto che ha coinvolto esperti docenti del settore che hanno interagito con gli studenti dell’Ite “Ferraris – Da Empoli" è proprio la preside Giuseppina Princi  che ha messo in evidenza le finalità di un progetto atto a “promuovere quei valori di cittadinanza attiva e responsabile in un momento particolarmente difficile quale quello di oggi”.

 

“La stessa economia deve essere uno strumento e mai un fine – aggiunge la dirigente Princi – Il protocollo con la Fenafi, e ringrazio il presidente Martorano, ha permesso agli studenti di acquisire nuove competenze necessarie per un inserimento attivo e responsabile nel mercato del lavoro. Inoltre, il progetto si è sposato bene con i nuovi indirizzi di studio attivati dall’istituto Ferraris quali Afm (Amministrazione finanza e marketing) e Sia (Sistemi informativi aziendali) e proprio attraverso lo studio delle materie giuridiche ed economiche, abbiamo promosso una conoscenza micro e macro economica del "Sistema Paese", delle dinamiche imprenditoriali e del processo di globalizzazione economica e fiscale”.

 

Per il presidente della Fenafi, avvocato Martorano  “La scuola è un canale privilegiato per veicolare iniziative, conoscenze e competenze di educazione finanziaria e riveste un ruolo fondamentale perché consente di raggiungere una vasta fascia della popolazione e agevola il processo di avvicinamento, o familiarizzazione, dei consumatori di domani ai temi finanziari. Attraverso i nostri esperti, siamo entrati a scuola per sostenere attivamente le misure per lo sviluppo dell'economia e le politiche attive del lavoro”.

 

Ma le novità non finiscono qui. La Fenafi sta promuovendo una serie di iniziative a favore di tutte le società finanziarie e associate, a partire dalla M3 Prestitichiari Spa, “e con questo tipo di attività didattica vuole selezionare delle risorse umane attive, capaci, pronte a scommettere sul proprio futuro.  In questo modo, creiamo le giuste opportunità lavorative per i giovani”.

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Reggio, presentato il calendario “Meraviglioso viaggio tra mari e monti”
Prossimo Articolo
A Zagarise transumanza, medioevo e ruralità

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: