OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cultura e Spettacolo

Foibe: Calabria, Coisp ricorda le vittime

Nel Giorno del ricordo si omaggeranno le 20 mila vittime, tra cui gli 89 poliziotti della Questura di Fiume infoibati nei dintorni della città

di Redazione
giovedì 9 febbraio 2017
11:48
25 condivisioni
Immagine dal web
Immagine dal web

"Domani 10 febbraio, nel "Giorno del ricordo" delle circa 20.000 vittime delle foibe e del drammatico esilio di 350.000 esuli italiani da Fiume, dall'Istria e dalla Dalmazia, vogliamo ricordare il sacrificio di tanti poliziotti appartenenti all'ex Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza".

 

E' quanto dichiara Giuseppe Brugnano, segretario generale regionale calabrese e responsabile dell'ufficio relazioni esterne del Coisp, il sindacato indipendente di Polizia, nella ricorrenza del 10 febbraio, giornata istituzionale per ricordare le vittime delle foibe.

 

"In particolare - dice Giuseppe Brugnano - non vanno dimenticati gli 89 poliziotti della Questura di Fiume che dopo il 3 maggio 1945 - data della violenta occupazione della città da parte delle milizie jugoslave di Tito - furono infoibati nei dintorni di quella città, pur in assenza di qualsivoglia carico di accusa nei loro confronti. A tal proposito, infatti, è opportuno evidenziare che la Questura di Fiume non partecipò ad alcuna azione di rappresaglia nei confronti di civili slavi ne' di partigiani; ciononostante, come la storia ha ben chiarito, gli appartenenti alla Questura di Fiume furono uccisi con un unico capo di imputazione ed un'unica colpa: essere italiani.

 

Fra l'altro, - continua Brugnano - tutto questo accadde alla Questura famosa per essere stata guidata dall'eroico Commissario Giovanni Palatucci, il quale salvò moltissimi ebrei, perseguitati specialmente all'indomani dell'arrivo nazista a Fiume dopo l'otto settembre del 1943. Sono tutti dati reperibili nel libro "Le vittime di nazionalita' italiana a Fiume e dintorni dal 1939 al 1947" a cura della Società di Studi Fiumani e dell'Istituto Croato per la Storia di Zagabria". (Agi)

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Fiamme Gialle all'Asp di Cosenza, Mauro chiarisce: «Li abbiamo chiamati noi»
Prossimo Articolo
SUPERLEGA | Tonno Callipo a Piacenza per consolidare l’ottavo posto

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: