OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Vibo, processo “Black money”: presentata una nuova istanza di rimessione

La richiesta di rimessione del processo ad altra sede mette in evidenza la circostanza che un troncone del procedimento “Black money” si fonda pure sulle risultanze investigative dei carabinieri del Ros di Catanzaro nell’ambito dell’indagine “Purgatorio”

di Giuseppe Baglivo
lunedì 9 gennaio 2017
15:44
2 condivisioni
Il tribunale di Vibo Valentia
Il tribunale di Vibo Valentia

Non c’è pace per il processo nato dall’operazione antimafia denominata “Black money” contro il clan Mancuso in corso dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia. Una nuova richiesta di rimessione del dibattimento per “legittimo sospetto” ad altra sede diversa dal Tribunale di Vibo Valentia è stata infatti presentata stamane dall’avvocato Francesco Stilo. Anche in questo caso – come una precedente istanza presentata da quasi tutti gli altri legali degli imputati, ad eccezione in quel caso dell’avvocato Stilo, e che è stata già respinta – la richiesta di rimessione, dopo la notifica alle parti interessate, dovrà essere esaminata dalla Corte di Cassazione.

 

Secondo quanto si apprende, la richiesta di rimessione del processo ad altra sede mette in evidenza la circostanza che un troncone del procedimento “Black money” si fonda pure sulle risultanze investigative dei carabinieri del Ros di Catanzaro nell’ambito dell’indagine “Purgatorio”. Una parte di tale inchiesta dei carabinieri è stata trasmessa per competenza territoriale e funzionale all’autorità giudiziaria di Salerno in quanto coinvolgeva alcuni magistrati all’epoca in servizio nel distretto di Corte d’Appello Catanzaro. Tre dei magistrati coinvolti nell’inchiesta “Purgatorio” sono stati in ogni caso prosciolti in via definitiva con formula ampia da tutte le accuse sia in sede penale che disciplinare, mentre per altri due i procedimenti sono ancora pendenti.

 

Secondo la difesa rappresentata dall’avvocato Stilo, l’intera inchiesta “Purgatorio”, o almeno il filone inerente i magistrati, avrebbe dovuto essere immediatamente trasferita alla Dda di Salerno per il coordinamento delle indagini appena avuta notizia, dall’ascolto delle intercettazioni, del coinvolgimento di alcuni magistrati. Una parte dell’informativa “Purgatorio” ha poi portato sotto processo gli allora vertici della Squadra Mobile di Vibo, il cui procedimento è ancora in corso dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo in diversa composizione, ma con una richiesta da parte dell’ufficio di Procura distrettuale di Catanzaro di riunirlo al procedimento “Black money”. Richiesta già respinta dal Tribunale di Vibo.

 

Tale serie di avvenimenti, ed altri ancora, ad avviso dell’avvocato Stilo, già difensore di Antonio Mancuso, sarebbero nel loro complesso da considerarsi alla base della nuova richiesta di rimessione del processo contro il clan Mancuso ad altra sede. La precedente istanza, presentata da altri legali, è stata respinta il 23 dicembre scorso, con un’articolata pronuncia della Cassazione che ha ribadito come il diritto di cronaca sia un bene imprescindibile in ogni democrazia e come ben altri – e diversi dagli articoli di giornale - dovrebbero essere i motivi da porre alla base per presentare con fondatezza un’istanza di rimessione di un processo per ragioni di legittimo sospetto.

 

Il processo “Black money” ha già registrato la requisitoria del pm Marisa Manzini che ha chiesto 20 condanne per un totale di 219 anni di reclusione. Le udienze per gli interventi dei difensori sono state già calendarizzate.

 

Queste le richieste di pena: Giovanni Mancuso (29 anni di reclusione), Antonio Mancuso (27 anni), per Agostino Papaianni (28 anni e 6 mesi), per Pantaleone Mancuso, alias “Scarpuni” (26 anni e 6 mesi) e per Giuseppe Mancuso (19 anni). Le altre richieste di pena interessano: Gaetano Muscia (14 anni), l’imprenditore Antonino Castagna (12 anni), Damian Fialek (12 anni e 8 mesi), Leonardo Cuppari (12 anni e 6 mesi), l’imprenditore Antonio Prestia (7 anni), l’immobiliarista Antonio Velardo (5 anni). Tre anni di carcere a testa la richiesta di pena per Carmela Lopreste, Giuseppe Papaianni, l’imprenditore Raffaele Corigliano, Ottorino Ciccarelli, l’imprenditore Alberto Caputo, Nicola Castagna, Filippo Mondella. Due anni e 6 mesi, infine per Pantaleone Zoccali e Carmina Mizzitelli. Richiesta di assoluzione per Federico Buccafusca. Associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, usura, estorsione e danneggiamento i reati a vario titolo contestati.

 

Giuseppe Baglivo

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Tubature congelate, interi quartieri senza acqua a Catanzaro
Prossimo Articolo
Reggio, vasta operazione antibracconaggio: liberati 2000 esemplari di volatili
Giuseppe Baglivo
Giornalista
Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007. Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria Ora per la redazione di Vibo Valentia dal settembre 2007 ad ottobre 2009. Nello stesso periodo per il quotidiano Calabria Ora ha realizzato molteplici inchieste riguardanti l’intero territorio regionale. Da agosto 2010 ad oggi è collaboratore della Gazzetta del Sud, redazione di Vibo Valentia, con competenza in tutti i settori (sport escluso). Dal gennaio 2013 è corrispondente unico dell’Agi (Agenzia giornalistica Italia) per Vibo Valentia e provincia. Dal novembre 2015 al 29 dicembre 2016 è stato redattore e responsabile della cronaca nera e giudiziaria del quotidiano online calabrese Zoom24.it, giornale web che ha contribuito a far nascere. Nel gennaio 2011 dalla Fondazione dedicata a Giuseppe, “Pippo”, Fava (il giornalista ucciso da Cosa Nostra il 5 gennaio 1984) ha ricevuto a Catania il Premio Nazionale “Giuseppe Fava” conferito ai giornalisti “particolarmente impegnati nella battaglia contro le mafie”. Specializzato in cronaca giudiziaria, nera e giornalismo d’inchiesta, ha seguito i più importanti processi contro la ‘ndrangheta, la corruzione nella pubblica amministrazione e la malasanità celebrati negli ultimi dieci anni in Calabria. Alcune sue inchieste giornalistiche hanno portato al commissariamento di diversi Comuni del Vibonese per infiltrazioni mafiose.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: