OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Tentano di estorcere denaro minacciando di morte, due arresti

L’indagine avviata dai finanziari di Melito Porto Salvo trae origine da una denuncia di una donna pressata da continue richieste di soldi per via dell’eredità ricevuta. Denunciate altre due persone

mercoledì 13 dicembre 2017
08:47
1 condivisioni

I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, a seguito di un’articolata attività investigativa, hanno arrestato in flagranza di reato due soggetti e denunciato altri due complici per estorsione aggravata. L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, è stata avviata a seguito di una denuncia presentata da una cittadina che, da circa un mese, subiva ripetute richieste, con minacce di morte rivolte alla sua persona e ad un proprio congiunto, di una somma pari a 20.000 euro. La richiesta del denaro, in particolare, traeva origine dalla conoscenza, da parte degli estortori, di una eredità di cui avrebbero beneficiato le vittime.

Le indagini delle Fiamme gialle

Le investigazioni condotte, anche di natura tecnica, hanno portato all’individuazione di due soggetti denunciati a piede libero e di altri due tratti in arresto in flagranza di reato, nel momento della consegna del denaro. I finanzieri hanno pianificato ed eseguito un servizio di osservazione, nelle primissime ore della mattinata, presso il luogo ove avrebbe dovuto essere consegnata la cifra richiesta. In tale scenario operativo, sempre garantendo l’incolumità delle vittime e dei diversi avventori presenti sul luogo dello scambio, subito dopo aver osservato la consegna della busta contenente il contante oggetto della illecita richiesta, i militari hanno bloccato l’autovettura con a bordo gli estortori, rinvenendo nella circostanza la somma di denaro appena “prelevata”. I due tratti in arresto, nonché gli ulteriori due denunciati a piede libero dovranno rispondere del reato di concorso in estorsione aggravata da minacce di morte.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: