OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Smaltimento rifiuti, l’occhio dell’Anac sugli appalti

L’Autorità nazionale anti corruzione è intervenuta sulle gare riguardanti lo smaltimento rifiuti di Catanzaro e Rossano. I dubbi riguardano procedure e tariffe

di Tiziana Bagnato
martedì 3 gennaio 2017
13:09
7 condivisioni

La Calabria di nuovo nel mirino dell’Anac, l’Autorità Nazionale Anti Corruzione. Pomo della discordia i rifiuti. Dopo la recente nomina di un commissario nazionale che vigili sulla messa a norma delle discariche segnalate dalla Commissione Europea, ora sono le procedure di gara per l'affidamento del servizio di smaltimento e conferimento dei rifiuti a sollevare critiche e osservazioni. A segnalare le presunte anomalie la Daneco, società operante proprio nel settore dello smaltimento dei rifiuti, che ha segnalato  due procedure d'appalto.

 

Si tratta di quelle di Catanzaro e di Rossano, per le quali sono state espletate gare di  trattamento e stabilizzazione dei rifiuti urbani, oltre che di movimentazione e collocamento in discarica. Per quest'ultima attività, il compenso fissato a base d'asta è di 68 euro/tonnellata per lo smaltimento e di  23 euro/tonnellata per il trasporto (20 euro per  Rossano). Ma, secondo quanto segnalato dalla Daneco, uno solo è l’impianto titolato a partecipare ad una gara così organizzata, quello di Crotone della società Sovreco, a 60 km da Catanzaro e 110 da Rossano.

 

L’Anac ha deciso allora di avviare un'istruttoria per valutare se esistano i presupposti per ritenere ci sia monopolio su uno schema di gara aperta e tariffe incongrue. In particolare, secondo l’Autorità la presenza di un unico impianto idoneo su base regionale al ricevimento del rifiuto trattato avrebbe dovuto indurre l'amministrazione regionale ad accollarsi gli oneri della fase finale di smaltimento del rifiuto e ad imporre all'unico soggetto abilitato una tariffa predefinita.

 

Tiziana Bagnato

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Rapina in una gioielleria di Cosenza, ferita una commessa
Prossimo Articolo
Allarme meningite: anche in Calabria è corsa alle vaccinazioni
Tiziana Bagnato
Giornalista
Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorato nell’emittente regionale Calabria Tv e per diversi anni per il quotidiano Calabria Ora, poi L’Ora della Calabria, è approdata nell’emittente St Television e sul quotidiano Il Garantista di cui è ancora firma. 

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: