OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Sfruttamento di migranti, arrestati due fratelli di Amantea (VIDEO-NOMI)

I carabinieri hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari

di Salvatore Bruno
venerdì 22 settembre 2017
06:28
25 condivisioni
La conferenza stampa ad Amantea
La conferenza stampa ad Amantea

Nell’ambito di un’operazione di contrasto allo sfruttamento dei rifugiati ospitati nei centri di accoglienza, due fratelli di Amantea, Giuseppe e Francesco Aria Ciommo, di 48 e 41 anni sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari emesse dalla procura di Paola. Sono accusati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, aggravati dalla discriminazione razziale. I particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa convocata a Paola alle ore 10, nella sede della compagnia dei carabinieri.

Sequestrati anche beni mobili e immobili

Il provvedimento prevede anche il sequestro preventivo dell’azienda e di altri beni mobili di proprietà degli arrestati, per un valore di circa due milioni di euro. Le indagini, condotte dai militari di Amantea, sono iniziate nel giugno scorso. Gli elementi raccolti dai carabinieri hanno permesso di accertare che i rifugiati, principalmente provenienti da Nigeria, Gambia, Senegal e Guinea Bissau, venivano prelevati in una strada parallela al centro di accoglienza “Ninfa Marina” e portati a lavorare presso l’azienda agricola dei due fratelli arrestati. 

Migranti pagati in base al colore della pelle

I rifugiati africani si trovavano a lavorare nei campi assieme ad altri lavoratori in nero provenienti principalmente dalla Romania e dall’India, ma, incredibilmente, la paga variava in base al colore della pelle. In particolare, gli africani avevano diritto a dieci euro in meno rispetto alla paga dei bianchi: 25 euro contro i 35 corrisposti ai lavoratori non di colore.

 

Le indagini hanno fatto emergere anche le condizioni di lavoro degradanti a cui erano sottoposti i lavoratori, che dormivano in baracche, mangiavano a terra ed erano sottoposti a stretta e severa sorveglianza da parte dei due fratelli arrestati.

 

La novità dell’ennesima operazione, denominata “Lavoro sporco”, condotta dalle forze dell’ordine contro il fenomeno del caporalato è la discriminazione razziale nei confronti delle persone di pelle nera. I particolari sono stati resi noti dal capitano Giordano Tognoni, comandante della Compagnia carabinieri di Paola. 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Catanzaro, incendio distrugge tre auto (FOTO)
Prossimo Articolo
Lamezia, minorenne trovato in possesso di una pistola: arrestato
Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: