OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Rumeno deceduto a San Floro: Procura dispone l’autopsia

Gli investigatori da un esame esterno del cadavere escludono l’omicidio volontario. Ogni dubbio sarà però sciolto solo dagli accertamenti medico-legali

lunedì 19 giugno 2017
16:05
5 condivisioni
San Floro
San Floro

Proseguono a ritmo serrato le indagini avviate dalla Stazione dei carabinieri di Girifalco dopo il ritrovamento nelle campagne di San Floro, centro alle porte di Catanzaro, del corpo di Valentin Gifu, cittadino rumeno di 22 anni. A fare la macabra scoperta nel pomeriggio di ieri è stato un amico e connazionale del giovane deceduto, che ha ritrovato privo di vita il coropo del 22enne all’interno di un’area privata adibita ad azienda agricola.

 

Al momento gli investigatori, anche alla luce dell’esame esterno eseguito sul cadavere dal medico legale, tenderebbero ad escludere l’ipotesi di un omicidio volontario. I traumi e le ecchimosi rinvenute sul volto del giovane non sarebbero infatti compatibili con l’ipotesi di una morte violenta avvenuta per mano altrui. Gli inquirenti sono piuttosto orientati verso delle ferite e delle lesioni provocate al culmine di una lite avvenuta con un connazionale la notte precedente al ritrovamento del cadavere. A sciogliere ogni dubbio sarà in ogni caso l’esame autoptico, disposto dalla Procura per far chiarezza sulle cause del decesso. A seguire il caso è il pm della Procura di Catanzaro, Vito Valerio.

 

Luana Costa

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Cosenza, Occhiuto: «Presto apriremo un padiglione di arte contemporanea»
Prossimo Articolo
Omicidio del piccolo Cocò Campolongo, nuova udienza in Corte d'Assise
Luana  Costa
Luana  Costa
Giornalista

Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.

 

Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.

 

Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: