OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Portate in Slovacchia dalla madre: «Aiutatemi, da tre anni non vedo le mie figlie»

Da questa mattina Emiliano Russo ha deciso di protestare incatenandosi davanti al Tribunale di Vibo per chiedere che le sue bambine vengano rimpatriate in Italia

di Redazione
lunedì 20 marzo 2017
12:47
20 condivisioni
La protesta di Emiliano Russo davanti al tribunale di Vibo Valentia
La protesta di Emiliano Russo davanti al tribunale di Vibo Valentia

Da tre anni e mezzo non vede le sue bambine. È un padre disperato Emiliano Russo, musicista di Limbadi, che questa mattina si è incatenato dinanzi al Tribunale di Vibo Valentia minacciando lo sciopero della fame «per dare voce a Demi e Dafne, le mie due bambine rapite e trattenute illegalmente in Slovacchia».

 

E ancora punta il dito contro lo stato estero che lo avrebbe «condannato a vederle 60 ore totali in un anno, una volta ogni tre mesi, cinque giorni e tre ore al giorno».


L’uomo, che minaccia anche di iniziare lo sciopero della fame, è risoluto a portare avanti la sua protesta fino a quando non avrà risposte certe dalla Procura di Vibo alla quale chiede, nonostante l’impegno degli ultimi tempi, di far rimpatriare le bambine.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Omicidio a Cirò, i Ris di Roma all'opera sul cellulare di Antonella Lettieri
Prossimo Articolo
A Locri scritte contro don Ciotti, il Comune replica con un manifesto corale

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: