OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

'Ndrangheta: processo alla cosca Muto, chieste 39 condanne

Chiusa a Catanzaro la requisitoria del sostituto procuratore Alessandro Prontera

di Salvatore Bruno
venerdì 12 gennaio 2018
17:37
8 condivisioni

Al termine della sua requisitoria nel processo, con rito abbreviato, scaturito dalle operazioni "Frontiera" e "Cinque lustri" con cui è stato sgominato il clan Muto di Cetraro, il sostituto procuratore di Catanzaro Alessandro Prontera ha chiesto la condanna per tutti i 39 imputati alla sbarra.

 

Chiesti vent'anni di carcere per le imputazioni più gravi

In particolare, per Franco Cipolla, detto "Tabacco", e per Guido Maccari, ritenuti dagli inquirenti «organizzatori, col compito di gestire il traffico di narcotico, procurando e gestendo sempre nuovi canali di approvvigionamento di stupefacenti, di organizzare le piazze di spaccio selezionando e rifornendo i grossisti della consorteria» sono stati chiesti vent’anni di carcere. Chiesta la condanna anche per i figli del boss Franco Muto, Luigi (17 anni) e Mara (9 anni).

Alla sbarra anche la moglie del boss Franco Muto

Per la moglie di Franco Muto, Angelina Corsanto, ritenuta la reggente del clan dopo l'arresto del marito, tanto da detenere la "bacinella" dell'organizzazione criminale, sono stati chiesti dieci anni di reclusione. Il processo riprenderà lunedì 15 gennaio. L'inchiesta "Frontiera", partita da un troncone dell'indagine sull'omicidio di Angelo Vassallo, il sindaco-pescatore di Pollica ucciso nel 2010, ha portato nel luglio 2016 all'arresto di 58 persone ritenute dagli inquirenti appartenenti alla cosca Muto, indagate per associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina, usura e illecita concorrenza con violenza e minaccia. Proprio partendo dalla cosca Muto la Dda, il 19 gennaio del 2017, ha concluso l'inchiesta "Cinque lustri", che ha consentito di svelare un'associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata alla turbativa di gare d'appalto nel settore pubblico.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: