OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Pedopornografia, violentava minori e ne diffondeva video: arrestato

Al centro della vicenda un uomo di 32 anni, arrestato dalla Polizia di Stato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a suo carico dal Gip di Reggio Calabria

martedì 14 marzo 2017
14:47
6 condivisioni

Diffondeva filmati con contenuto pedopornografico i cui protagonisti, in alcuni casi, erano lui stesso a violentare. Al centro della vicenda un uomo di 32 anni, arrestato dalla Polizia di Stato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a suo carico dal Gip presso il Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

 

L'uomo è accusato di aver detenuto, divulgato sul web e condiviso con altri una notevole quantità di materiale pornografico contenente immagini di minori. Alcune delle vittime, secondo quanto accertato nel corso delle indagini congiunte svolte dai compartimenti della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Reggio Calabria e Napoli, hanno subito abusi sessuali compiuti personalmente dal giovane operaio, celibe ed incensurato, immortalati tra le numerose immagini memorizzate sui supporti che gli sono stati sequestrati.

 

“Il risultano raggiunto - si legge in una nota della Polizia postale - è frutto di un incessante impegno investigativo, volto ad identificare gli autori degli odiosi reati, italiani e stranieri, durato circa due anni e reso proficuo anche grazie alla stretta collaborazione con il social network statunitense "Twitter", che ha consentito l'acquisizione e l'analisi dei dati relativi ai numerosi collegamenti internet di interesse ed il successivo studio del relativo flusso di dati informatici, che ha permesso infine l'individuazione, tra i soggetti coinvolti nell'illecito traffico on line, del 32enne operante sul territorio nazionale».


L'arrestato è stato quindi rintracciato dagli operatori di polizia in provincia di Napoli, dove vive e lavora e dove gli è stato sequestrato anche uno smartphone dotato di specifiche applicazioni che gli consentivano di nascondere in cartelle invisibili il materiale pedopornografico detenuto. Dopo la notifica del provvedimento restrittivo, l'indagato è stato ristretto nel carcere di Napoli. (AGI)

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Ancora latitante l’assassino di Francesco Giorgino, la moglie chiede giustizia
Prossimo Articolo
Facevano prostituire donne e trans in diverse province: indagate due donne

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: