OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Pecore sacre a Polistena, si dimette la consigliera fidanzata col pastore

Roberta Coriani, esponente della parte politica che sostiene il sindaco Tripodi, ha fatto un passo indietro nel corso del Consiglio comunale convocato proprio per discutere del “problema greggi” sollevato dalla nostra inchiesta

di Agostino Pantano
giovedì 7 dicembre 2017
20:56
72 condivisioni

Si è dimessa Roberta Coriani, la consigliera comunale di maggioranza, compagna di uno dei due pastori che conduceva le "pecore sacre" di Polistena al centro della nostra inchiesta. Si è aperto con questo colpo di scena politico il civico consesso convocato sul tema "problematica greggi ed esposizione mediatica".

 

Il consiglio comunale, all'unanimità - quindi anche con i quattro voti dei consiglieri di opposizione (Pd) - alla fine della seduta ha votato un ordine del giorno letto e proposto dal primo cittadino Michele Tripodi (Pci) con cui fra l'altro si "impegna il sindaco e l'amministrazione a valutare come tutelare, in ogni sede, l'immagine di Polistena". Una formula “di rito”, che per il momento sembra glissare sulla volontà di adire le vie legali, come invece era stato ventilato in un primo momento. La discussione, infatti, si è concentrata principalmente sui contenuti politici e il dibattito che ne è scaturito non ha smentito, anzi ha confermato "che sono due le greggi che attraversano il territorio comunale" e che, inoltre, "la relazione sentimentale tra la consigliera comunale e il pastore è recente".

 

Il sindaco Tripodi ha peraltro srotolato nel suo intervento, anche con un certo colpo ad effetto, un manifesto che, ha detto, risale "a quando il mio partito era all'opposizione, io ero segretario, e denunciavamo con tanto di fotografie il transito delle pecore". Un altro particolare, questo, che semmai rafforza gli interrogativi sollevati dai nostri servizi giornalistici circa la contingente impossibilità di applicare il regolamento consiliare.

A questo proposito il sindaco, ribandendo che "nessuna complicità politica o mafiosa è possibile ravvisare alla base della mancata applicazione del regolamento", ha ricordato come "più volte i cittadini abbiano segnalato la problematica delle greggi". Nell'ordine del giorno approvato si dà inoltre mandato alla segretaria comunale di avviare una ispezione nel comando vigili al fine di verificare se "possano essersi determinate negli anni delle omissioni degli uffici".

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Consulenze d'oro all'Asp di Cosenza, Scarpelli condannato a due anni
Prossimo Articolo
Ponte crollato nel Parco del Pollino, colpa della cattiva manutenzione?
Agostino Pantano
Giornalista
Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.   Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.   È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: