OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Operazione Outset, Gratteri: “A Vibo ‘ndrangheta di Serie A” (VIDEO)

Le dichiarazioni dei procuratori Nicola Gratteri e Giovanni Bombardieri e dei capi delle Squadre Mobili di Vibo e Catanzaro, Giorgio grasso e Nino De Santis rilasciate nel corso della conferenza stampa

venerdì 14 luglio 2017
13:12
22 condivisioni
La conferenza stampa a Vibo
La conferenza stampa a Vibo

“Si rafforzano gli organici delle forze di polizia. Vibo Valentia è infatti una provincia ad alta densità mafiosa, con famiglie di ‘ndrangheta di Serie A. L’operazione odierna è il frutto di una perfetta sinergia fra le Squadre Mobili di Vibo Valentia e Catanzaro, oltre che dello Sco. Ci teniamo tantissimo a Vibo Valentia ed infatti siamo dinanzi ad un’indagine di qualità, iniziata dopo il primo interrogatorio del collaboratore di giustizia Andrea Mantella che ha subito parlato degli omicidi di Giuseppe Pugliese Carchedi e di quello di Mario Franzoni”. Così il procuratore della Dda di Catanzaro, Nicola Gratteri, in Questura a Vibo Valentia nel corso della conferenza stampa per l’operazione “Outset” che ha portato all'arresto di 8 persone.

 

Le dichiarazioni di Bombardieri

Un inizio che, come sottolineato anche dal procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro Giovanni Bombardieri, dimostra che “le forze dell’ordine stanno riacquistando il controllo capillare del territorio anche nel Vibonese, con riscontri di un certo peso in ordine alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Andrea Mantella e Raffaele Moscato. Non ci fermiamo qui – ha dichiarato Bombardieri – e andiamo avanti per fare luce sulla lunga scia di sangue del Vibonese”.

 

"Una perfetta sinergia criminale fra i clan di Vibo e Lamezia"

Il nuovo capo della Squadra Mobile di Vibo Valentia, Giorgio Grasso, e il capo della Squadra Mobile di Catanzaro Nino De Santis hanno invece spiegato in conferenza stampa la perfetta “sinergia criminale fra i clan di Vibo Valentia e quelli di Lamezia Terme in occasione dell’omicidio di Mario Franzoni, compiuto – hanno dichiarato – a Porto Salvo con una richiesta che sarebbe giunta ad Andrea Mantella da Franco Barba il quale aveva raccontato che Franzoni avrebbe minacciato con una pistola uno dei suoi figli”. Un omicidio che avrebbe avuto una ricompensa. “Si è infatti tenuta – ha sottolineato De Santis – una riunione all’hotel 501 di Vibo con presenti Franco Barba, Francesco Scrugli, Lo Bianco e Mantella in cui sarebbe maturato il proposito di eliminare Mario Franzoni. In cambio dell’omicidio, Andrea Mantella avrebbe ricevuto due villette da Franco Barba, immobili intestati ad una congiunta di Mantella ed in parte abusive, con i vigili urbani di Vibo che, a detta di Mantella, avrebbero chiuso un occhio”.

 

Di risultato importante hanno parlato anche il questore di Vibo Valentia, Filippo Bonfiglio, e Garofalo dello Sco.

 

Infine, dalla conferenza stampa è emersa una notizia importante: alla Dda di Catanzaro per occuparsi esclusivamente del territorio della provincia di Vibo sarà presto assegnato un terzo pubblico ministero che andrà ad affiancare i pm Annamaria Frustaci e Andrea Mancuso, già alle prese con diverse inchieste contro i clan vibonesi.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Albanese espulso rientra in Italia, arrestato dalla polizia di Cosenza
Prossimo Articolo
La bandiera di guerra al XIV Battaglione (VIDEO)

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: