OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Operazione “Dinasty”: confiscati beni a imprenditore del Vibonese

Le indagini avevano coinvolto esponenti di spicco della cosca Mancuso. Confiscate quote societarie e un’impresa per la lavorazione del legname

di Redazione
giovedì 9 marzo 2017
08:00
5 condivisioni

La Direzione investigativa antimafia di Catanzaro ha confiscato, in esecuzione di un provvedimento della Corte d'Appello reso definitivo dalla Corte di Cassazione, beni per 4 milioni di euro riconducibili all'imprenditore Domenico Antonio Ciconte, di Sorianello, condannato per usura nell'ambito dell'operazione denominata "Dinasty" che ha coinvolto esponenti di spicco della cosca di 'ndrangheta dei Mancuso.

 

Sono stati quindi definitivamente acquisiti al patrimonio dello Stato le quote societarie di "Calabria Trading Srl", con sede a Lamezia Terme ed operante nel settore dell'intermediazione dei beni mobili registrati ed immobili; l'impresa individuale "De Caria Legnami di De Caria Assunta", con sede a Soriano Calabro, operante nel comparto della lavorazione del legname; il capitale sociale e l'intero compendio aziendale della "Immobiliare Athena srl", con sede a Pizzo, operante nel settore turistico e numerosi beni immobili e mobili. (Ansa)

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Provocò incidente mortale guidando ubriaco: arrestato 29enne -VIDEO
Prossimo Articolo
Tirreno meridionale: nella notte nuova scossa di terremoto di magnitudo 3.5

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: