OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Operazione “Buena Ventura”, De Raho: «La ‘ndrangheta reggina al vertice del cartello criminale»

Il procuratore capo di Reggio Calabria nel corso della conferenza stampa: «Giovanni Palamara era ormai diventato un ospite “fisso” in Colombia e godeva di grande fiducia da parte dei vari cartelli dediti al traffico internazionale di stupefacenti»

martedì 10 gennaio 2017
13:22
13 condivisioni
Il procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero De Raho
Il procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero De Raho

«Un'organizzazione estesa su tutto il territorio nazionale con forti agganci transnazionali in Colombia, soprattutto, ma anche in Ecuador e Perù, capace di introdurre in Italia non meno di 35 chilogrammi per volta di cocaina». A dichiararlo il procuratore capo di Reggio Calabria, Federico Cafiero de Raho, intervenendo alla conferenza stampa in Questura per illustrare i particolari dell'operazione “Buena Ventura” eseguita dalla polizia di stato.

«Al vertice del cartello criminale - ha proseguito de Raho - le cosche della 'ndrangheta della ionica, i Morabito-Bruzzaniti ed i Palamara di Africo, un cui esponente, Giovanni Palamara, era ormai diventato un ospite “fisso” in Colombia e godeva di grande fiducia da parte dei vari cartelli dediti al traffico internazionale di stupefacenti».

NOMI | Fiumi di droga dalla Colombia alla Calabria: 19 arresti

«È stata un'operazione - ha commentato il questore Raffaele Grassi - che sottolinea ancora una volta la capacità della 'ndrangheta e dei suoi referenti criminali su tutto il territorio nazionale, di essere organizzazione privilegiata da parte dei narcos dei vari Paesi centroamericani, tant'è che suoi esponenti di particolare “prestigio” criminale usavano soggiornare lunghi periodi in Colombia, come Giovanni Palamara».

 

«Da tempo - ha detto il dirigente della squadra mobile Francesco Rattà - eravamo sulle tracce di questa organizzazione criminale, riuscendo in due occasioni anche a sequestrare ingenti quantitativi di cocaina. In un caso scoprimmo addosso ad uno dei trafficanti centinaia di bustine confezionate legate attorno alle sue gambe con nastro adesivo, lasciando ai ginocchi libertà di movimento».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Operai bloccati su pala eolica a Jacurso, salvati dai vigili del fuoco
Prossimo Articolo
Intimidazioni a Lamezia, spari contro un “Compro oro” e incendiato portone avvocato

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: