OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Ancora latitante l’assassino di Francesco Giorgino, la moglie chiede giustizia

Fu ucciso davanti ai suoi due figli minorenni il 21 febbraio 1996 e per quel delitto nessuno ad oggi ha pagato. È la denuncia di Domenica Diano, moglie di Francesco Giorgino, vittima di mafia che sarà ricordata nella manifestazione promossa da “Libera” a Locri

martedì 14 marzo 2017
13:42
2 condivisioni

Francesco Giorgino fu ucciso il 21 febbraio 1996 a Lazzaro (Rc), davanti ai figli Annamaria, di 8 anni, e Salvatore Maurizio, di 14. Sarà fra le vittime di mafia ricordate nel corso della manifestazione promossa da "Libera" per il prossimo 21 marzo a Locri.

 

La moglie, Domenica Diano, oggi ha scritto ai giornali per ricordare la sua voglia di giustizia. Per quel delitto, infatti, nessuno ha pagato. «Sono trascorsi 21 anni da quel drammatico pomeriggio in cui mio marito, il padre dei miei due figli Annamaria e Salvatore Maurizio oggi trentenni, fu freddato a colpi di pistola mentre lavorava nella sua officina a Lazzaro. Morì davanti ai loro occhi giovani, increduli, terrorizzati.

 

Quel delitto - denuncia - attende ancora giustizia. Chi quel pomeriggio ha ucciso il padre dei miei figli, rendendoli orfani di un papà che adoravano, non è mai stato assicurato alla giustizia perché ad oggi ancora latitante. A noi sono rimasti solo il dolore e una feroce assenza che ancora lacerano, a distanza di ventuno anni, come se il tempo non fosse mai passato. Il dolore non si placa - spiega - e il senso di impotenza per questa ingiustizia, che continuiamo a subire giorno dopo giorno, certamente non aiuta. Nonostante le difficoltà quotidiane economiche e non solo, nonostante i sacrifici, le rinunce, i seri problemi di salute, con i miei figli e per i miei figli vado avanti e tengo vivo il ricordo del nonno di tre nipoti e del quarto in arrivo. Guardando a loro, nel buio trovo la luce e il coraggio di non desistere e cerco di indicare anche ai miei figli, segnati per sempre, una strada diversa dalla rassegnazione. Non è semplice». (AGI)

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Cortale: danneggiata l' auto di un assessore
Prossimo Articolo
Pedopornografia, violentava minori e ne diffondeva video: arrestato

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: