OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Omicidio Cocò, acquisiti agli atti i testi di alcuni messaggi whatsapp

Conterrebbero informazioni utili per fare luce sulle responsabilità dell'omicidio

di Salvatore Bruno
lunedì 17 luglio 2017
17:16
10 condivisioni
Il piccolo Cocò
Il piccolo Cocò

Acquisita agli atti della Corte di Assise di Cosenza una perizia, depositata dalla consulente Maria Teresa Torchia, con la traduzione in italiano di alcuni messaggi whatsapp attenzionati nell’ambito del processo sulla morte del piccolo Cocò Campolongo. Il bimbo, di soli tre anni, come si ricorderà, è stato ucciso a Cassano insieme al nonno Giuseppe Iannicelli e alla compagna di questi Ibtissam Touss di nazionalità marocchina. I loro corpi furono poi dati alle fiamme. Due gli imputati per il triplice omicidio: Cosimo Donato e Fausto Campilongo.

Udienza rinviata al prossimo 7 settembre

I whatsapp, in buona parte scritti in lingua arbereshe e tradotti in italiano, conterrebbero alcuni particolari tali da poter dare una svolta al processo. La Corte d’Assise, presieduta dal giudice Giovanni Garofalo, a latere il giudice Francesca De Vuono, dopo aver acquisito la perizia, ha rinviato l’udienza al 7 settembre prossimo per consentire di visionare gli atti sia all’accusa che alla difesa.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Maltempo, Scilla si rialza (VIDEO)
Prossimo Articolo
Ancora fiamme sull'alto Tirreno cosentino. Vasto incendio a Belvedere Marittimo
Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: