OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Nicastro: sequestrati 10 mila prodotti contraffatti

Individuati capi di abbigliamento ma anche numerosi accessori e giochi per bambini non originali. La titolare dell’esercizio commerciale è stata segnalata alla Procura della Repubblica di Lamezia per contraffazione e ricettazione

martedì 14 marzo 2017
08:25
10 condivisioni

Nei giorni scorsi l’intensificazione delle attività d’intelligence e di capillare controllo economico del territorio ha permesso ai “baschi verdi” della Guardia di finanza di Lamezia Terme di sequestrare, nel corso di un’operazione di servizio, 10.000 oggetti, tra capi di abbigliamento, accessori e giochi per bambini, abilmente contraffatti.

 

La mirata attività investigativa svolta dai finanzieri ha permesso di individuare e, quindi, sottoporre a controllo, una attività commerciale gestita da un cittadino di nazionalità cinese, ubicata in Nicastro.

 

Durante il controllo del negozio, le fiamme gialle hanno subito notato moltissimi prodotti esposti per la vendita e stoccati nell’esercizio commerciale, artatamente e abilmente contraffatti, risultati quindi privi dei dati identificativi, quali il “copyright” e/o il “trademark”, che riconducano ad una produzione originale, privi dell’etichetta sulla quale normalmente compare l’indicazione dell’azienda produttrice autorizzata dalla casa madre e detentrice dei diritti di tutela dei marchi/loghi/immagini ivi riprodotte. inoltre, l’esercente non ha esibito alcuna documentazione fiscale comprovante il regolare acquisto della merce. La maggior parte dei prodotti sottoposti a sequestro recavano i ben noti loghi di famosi personaggi dei cartoni animati di Walt Disney, dei Minions oltreché molti altri personaggi televisivi di serie tv per adolescenti e ragazzi.

 

La titolare dell’esercizio commerciale è stata segnalata alla Procura della Repubblica di Lamezia Terme per i reati di contraffazione e ricettazione.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Sequestrati beni a Giuseppe Nucera ritenuto capo della “locale” di Gallicianò
Prossimo Articolo
Evasione dai domiciliari e resistenza a pubblico ufficiale: arrestato 31enne a Reggio

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: