OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

L’odissea di Blizzy, picchiata selvaggiamente durante la traversata (VIDEO)

Ha rischiato anche di perdere un occhio la giovane 25enne, tra i 1200 migranti approdati a Vibo Marina lo scorso martedì. Ha ferite sul viso e sul corpo. Queste guariranno. Quelle dell’anima forse mai

giovedì 20 aprile 2017
14:50
29 condivisioni

«Ho chiesto aiutatemi, per favore, aiutatemi!»…  Blizzy, venticinque anni, le ferite sul viso, sul corpo e nel cuore. Parla dall’Osservazione breve intensiva dell’ospedale Jazzolino.

 

La sua era tra le quasi 1200 anime approdate martedì mattina a Vibo Marina. Uno sbarco, l’ennesimo, che ha messo questa striscia di Calabria di fronte ad una emergenza umanitaria senza precedenti. «Mi hanno colpita all’occhio, mi hanno tirato dai capelli, mi hanno colpito alle braccia» ha raccontato ancora scossa.

 

Qui, dove nella carezza di un infermiere riscopre l’animo gentile di una terra di pace che accoglie i disperati, la ragazza racconta quel che le hanno fatto, nel corso di un’odissea di violenza, iniziata per cercare un futuro che nella terra natia era impossibile. «Sono stata costretta a venire qui in Italia. Non avevo altra scelta».

 

La giovane subirà nei prossimi giorni anche un intervento chirurgico all'occhio. Le ferite sul corpo guariranno. Quelle dell’anima forse mai.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
LEGA PRO | Nel prossimo turno, riflettori puntati sul derby
Prossimo Articolo
Cosenza, botte e richieste di soldi alla moglie: arrestato 35enne
Cristina Iannuzzi
Cristina Iannuzzi
Giornalista

Cristina Iannuzzi è nata a Castrovillari (Cs) il 05/10/1977.Vive a Vibo Valentia dal 1992. E' cresciuta  a pane e televisione. La sua attività inizia sin dagli anni giovanili a Rete Kalabria, prima come speaker, poi come conduttrice e successivamente come giornalista di cronaca e d'inchiesta.  Tra le sue trasmissioni di maggior successo figurano i reportage dalle zone alluvionate delle Marinate di Vibo Marina, dove è stata tra le prime ad arrivare e a lanciare le prime immagini e i  servizi sulla rivolta  degli extra comunitari di Rosarno. Negli anni he anche collaborato alla "Gazzetta del Sud" e ad alcuni  periodici locali. Le principali regole del suo lavoro quotidiano sul fronte dell'informazione sono  la ricerca delle verità e della notizia.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: