OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Lite pedone-automobilista, a Botricello i funerali del ferroviere

L’uomo, secondo l’esame autoptico, sarebbe morto per emorragia cerebrale. Disposto l’espianto degli organi

di Redazione
giovedì 17 agosto 2017
11:30
19 condivisioni

Emorragia cerebrale. Sarebbe questa la causa del decesso di Salvatore Gidari. Il 56enne è morto nei giorni scorsi all’ospedale “Pugliese-Ciaccio”, dove era ricoverato dallo scorso 21 luglio a seguito di una lite con un automobilista. Nella giornata di ieri si è svolto l’esame autoptico per gettare luce su quanto effettivamente accaduto al ferroviere.

 

Oggi i funerali a Botricello

La vicenda si era consumata a Botricello, centro della costa ionica, sulla strada statale 106. Il diverbio sarebbe scaturito da una mancata precedenza. Oggi, alle 17 i funerali nella chiesa di “San Michele” a Botricello. Il ragazzo alla guida dell’auto, A. V. è ancora accusato di lesioni personali ma la posizione si potrebbe aggravare in omicidio preterintenzionale (il pm non ha al momento formalizzato l'accusa). Si trova agli arresti domiciliari.

 

Il cordoglio della “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”

Nella lunga lettera a firma di Fabio Pugliese presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, ripercorso il dramma della famiglia: «Purtroppo Salvatore ci ha lasciati e questa assenza ora lascia un vuoto enorme nella sua famiglia ma anche in migliaia di cittadini, compreso il sottoscritto, che restano interdetti di fronte a quanto accaduto. Molti che lo hanno conosciuto lo descrivono un uomo rispettoso, educato, molto sensibile e particolarmente legato al lavoro ed alla famiglia.

Proprio quest’ultima ci ha commossi tutti con un grande gesto d’amore scegliendo di firmare l’autorizzazione per l’espianto degli organi di Salvatore. Un gesto che, più di ogni altro, si contrappone alla violenza che - come affermava il Pontefice Karol Wojtyla - "distrugge ciò che vuole difendere: la dignità, la libertà, e la vita delle persone».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Droga, rinvenute 2500 piante di cannabis a Monsoreto di Dinami (VIDEO)
Prossimo Articolo
Strappò catenina ad anziana, un arresto a Cosenza

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: