OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Gizzeria, sequestrati tre stabilimenti balneari

Un’operazione congiunta dei carabinieri e guardia di finanza ha permesso di accertare alcune irregolarità

di L. C.
venerdì 28 luglio 2017
17:40
9 condivisioni
Sigilli a tre stabilimenti balneari
Sigilli a tre stabilimenti balneari

Nella mattinata di oggi, militari del nucleo operativo ecologico di Catanzaro, del gruppo carabinieri forestale Catanzaro, della Guardia di Finanza - Stazione Aereonavale di Vibo Valentia e della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Vibo Valentia, hanno proceduto, in esecuzione a decreto emesso dal GIP presso il Tribunale di Lamezia Terme, su richiesta della locale Procura della Repubblica, al sequestro di numerosi locali di proprietà di tre lidi balneari ubicati in Gizzeria (CZ), località "Pesce e Anguille".

Nel corso dei controlli, delegati dal Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Salvatore Curcio e dal pm Giulia Scavello, è stato accertato che le strutture balneari presenti in tale località avevano realizzato alcune opere, senza le prescritte autorizzazioni. Tali accertamenti, effettuati nell'ambito di una più vasta attività d'indagine, finalizzata alla salvaguardia ambientale nel golfo di Sant'Eufemia, hanno determinato, tra l'altro, una serie di controlli, congiuntamente all'Arpacal di Catanzaro, di numerosi depuratori presenti lungo tutta la fascia costiera, i cui esiti sono stati dettagliatamente comunicati all'autorità giudiziaria. Il personale operante, nei prossimi giorni, proseguirà, senza soluzione di continuità, ad ulteriori verifiche delle strutture presenti nel comprensorio della Procura di Lamezia Terme.

 

l.c.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Cosenza, giro di vite contro l'accattonaggio. Arrestato 24enne
Prossimo Articolo
Le stragi di Cosa Nostra e i summit con la ‘Ndrangheta a Rosarno e nel Vibonese
L. C.
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: