OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Gotha, Giorgio De Stefano sfida i pm: «Non mi contestate neppure un fatto specifico»

L'avvocato, ritenuto a capo della cupola massonico-mafiosa reggina, interrogato per cinque ore dai pubblici ministeri. Ecco i passaggi più importanti: dalle intercettazioni ambientali alle parole dei pentiti. «Contro di me una precisa strategia»

martedì 7 marzo 2017
10:11
12 condivisioni

È finita poco dopo le 22.30 di ieri sera, la seconda udienza del processo “Gotha”. Una giornata lunghissima caratterizzata da un colpo a sorpresa che ha sparigliato le carte, quando sembrava che si andasse verso una direzione ben precisa, ossia la scelta del rito per ciascun imputato.

 

A prendere la parola, infatti, sono stati gli avvocati di Giorgio De Stefano, l’uomo ritenuto parte della cupola massonico mafiosa che governa Reggio Calabria e provincia. A giudizio della Dda, infatti, De Stefano sarebbe l’elemento di raccordo fra la componente invisibile della ‘ndrangheta e quella visibile, proprio in virtù di quei rapporti di parentela che lo legano ai De Stefano, figli di “don Paolino”. Una figura da sempre assai importante quella dell’avvocato, che ha catalizzato l’attenzione di numerosi collaboratori di giustizia che ne hanno fornito versioni anche contrastanti. 

 

Sta di fatto che ieri, Giorgio De Stefano (come anticipato da lacnews24.it) ha spontaneamente chiesto di essere interrogato dai giudici. Una mossa a sorpresa per un uomo che fino ad oggi aveva mantenuto il massimo riserbo. Chi ha potuto seguire l’interrogatorio, durato cinque ore, racconta di un confronto molto serrato ed interessante, in cui De Stefano ha provato a portare una sua tesi che spiegherebbe le ragioni per le quali egli non possa ritenersi intraneo alla cupola dei “mammasantissima” ricostruita dai pubblici ministeri della Dda di Reggio Calabria.

 

«Ho scoperto di essere stato intercettato sin dal 2007 – ha spiegato De Stefano – e voi dite che io sia la mente pensante della ‘ndrangheta. Bene, vi chiedo di contestarmi un fatto specifico. Ci sono stati diversi pentiti che hanno affermato come si dicesse di me alcune cose, ma non sono stati in grado di fornire una circostanza precisa». Per De Stefano, dunque, la convergenza dei collaboratori di giustizia sarebbe da spiegare con una strategia messa in atto e tesa ad accusarlo, sebbene la fonte da cui promanerebbero quelle accuse – il pentito Munaò – non gli abbia mai addebitato nulla. È per tale ragione che De Stefano ha invitato i magistrati ad acquisire i verbali del collaboratore di giustizia. L’avvocato ha voluto anche rimarcare come le parole del pentito Fiume, a suo avviso, siano cambiate radicalmente dal 2002 al 2012.

 

Insomma, una difesa a 360 gradi, quella di De Stefano che non si è sottratto ad alcuna domanda della pubblica accusa, considerato che egli ha dichiarato apertamente come, fino a ieri, non avesse potuto difendersi di fronte ad un giudice del processo, poiché da subito trasferito in località diverse da Reggio Calabria.  

 

Gotha, la Dda cala l'asso in udienza: ecco dichiarazioni, fascicoli e informative 

 

Sempre nella giornata di ieri, intanto, il giudice per l’udienza preliminare aveva rigettato tutte le eccezioni preliminari. Bocciata, quindi, anche quella presentata dai legali del giudice in pensione Giuseppe Tuccio, in cui si faceva riferimento alla incompetenza territoriale, atteso che Tuccio prestò servizio sia a Reggio Calabria che a Catanzaro. I pm della Dda, tuttavia, dissero a chiare lettere già sabato scorso che il periodo cui fa riferimento l’indagine è successivo alla presenza di Tuccio in Calabria e, dunque, Reggio resterebbe la sede naturale del processo. Una tesi accolta e condivisa dal gup.

 

Come già anticipato nel pomeriggio di ieri, infine, in 31 hanno optato per il rito abbreviato, sebbene le scelte debbano ancora essere formalizzate in via definitiva. Fra loro compare, al momento, anche l’ex sindaco di Villa San Giovanni, Antonio Messina, che ha chiesto di poter essere sentito dai giudici per fornire la sua versione dei fatti e respingere le accuse. Messina è apparso però un po' in difficoltà di fronte alle incalzanti domande dei pubblici ministeri. Per Paolo Romeo e Antonio Caridi, sebbene non vi sia stata ancora alcuna scelta definitiva, si prospetta la decisione di andare a processo con rito ordinario. Si prosegue già questa mattina, con la definizione delle singole posizioni.
 
 
Consolato Minniti

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
BASKET | Viola, ultime carte per la salvezza
Prossimo Articolo
A spasso con machete, coltelli e liquido infiammabile: denunciato 52enne di Marina di Gioiosa
Consolato Minniti
Consolato Minniti
Giornalista

Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogli bianchi i suoi primi articoli “a colonne”.

 

La seconda guerra di ‘ndrangheta, vissuta negli anni dell’infanzia, lo porta a confrontarsi sin da subito con la piaga della criminalità organizzata. Durante uno dei tanti agguati, riesce a portarsi in salvo appena in tempo con la sua famiglia, prima che la scarica di piombo finisca una delle vittime predestinate, proprio davanti all’uscio di casa sua. È per questo che le letture approdano presto ai quotidiani locali e nazionali.

 

Inizia a collaborare a 19 anni con “Il Domani”, ma è nel 2006 che avvia la sua prima vera esperienza giornalistica di livello con il quotidiano “Calabria ora”. Dapprima collaboratore per la città di Reggio Calabria, un anno dopo diviene redattore ordinario e avvia il percorso che lo vede protagonista sino ad oggi, ossia quello riguardante la cronaca nera e giudiziaria. È quello il settore al quale decide di dedicarsi, consapevole del fondamentale ruolo giocato dal giornalismo d’inchiesta nel contrasto alla ‘ndrangheta.

 

Nel 2012 viene nominato caposervizio della redazione di Reggio per “Calabria ora”, ruolo che conserva sino alla chiusura del quotidiano nel frattempo divenuto “L’Ora della Calabria”. Nel 2014 approda al “Garantista”, sempre con la qualifica di caposervizio. Collabora con testate nazionali quali “L’Espresso” e “L’Avvenire”.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: