OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Di giorno prete, di sera adescava giovani: la doppia vita di Don Antonello Tropea

Il Gup ha depositato le motivazioni sul caso dell’ex parroco di Messignadi condannato a 4 anni di reclusione per il reato di prostituzione minorile

di Francesco Creazzo
martedì 25 ottobre 2016
15:05
Condividi

Il nome con cui si presentava agli appuntamenti era “Nico”, professione carabiniere o insegnante di educazione fisica. Ecco l’alter ego che don Antonello Tropea utilizzava per gli incontri sessuali con i minorenni, quelli per cui nello scorso giugno è stato condannato a 4 anni di reclusione con il rito abbreviato. Adesso il Gup di Reggio ha depositato le motivazioni sul caso dell’ex parroco di Messignadi, sorpreso durante uno degli incontri sessuali con un 17enne consenziente, conosciuto online.


“Dalle intercettazioni – scrive il giudice – risulta chiaro come il soggetto conducesse una doppia vita: di giorno esercitava il ministero sacerdotale nella chiesa di San Nicola di Mira e di sera intratteneva numerosissimi rapporti sessuali, talvolta a pagamento, con giovani contattati su internet”.

 

Le motivazioni della sentenza fanno anche emergere la consapevolezza da parte del prelato della minore età dei propri partner, circostanza che è costata al sacerdote la condanna per il reato di prostituzione minorile.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Sbarchi, il 2016 è l’anno dei record
Prossimo Articolo
Ancora verifiche all’ospedale dell'Annunziata di Cosenza

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: