OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Desaparecidos, iniziato il processo Condor VIDEO

E' iniziato a Roma il processo Condor che vede tra i testimoni la 91enne, originaria di San Basile, Maria Bellizzi il cui figlio è desaparecido dal 1977

di Tiziana Bagnato
venerdì 25 settembre 2015
12:00
2 condivisioni

Nell’aula bunker di Rebibbia, a via del Casale di San Basilio, da due giorni c’è una donna di 91 anni su cui il tempo non ha mai scalfito la forza e il desiderio di giustizia. Lei è Maria Bellizzi, nata a San Basile, nel cosentino, e madre mai rassegnata di Andrés, nato in Uruguay e sparito nel 1977 in Argentina, e il processo a cui sta prestando la sua testimonianza è il processo Condor che indaga sulle decine di desaparecidos di origini italiane che vennero fatte sparire tra gli anni Settanta e Ottanta durante la dittatura di Vileda.

 

Nonostante siano passati quaranta anni Maria e la sorella di Andres, Silvia, non sono riusciti a ricostruire esattamente cosa sia accaduto al fratello, un grafico pubblicitario di 25 anni che aveva lasciato l’Uruguay in cerca di una vita migliore, finendo per trovare la morte. Il ragazzo sarebbe stato prelevato da alcuni militari che poi, a distanza di giorni, sarebbero ritornati nel suo appartamento, facendo sparire qualunque cosa.

 

L’amore materno e quello di sangue di Maria e Silvia Bellizzi non ha oscurato la loro lucidità. Sono ben consapevoli che le possibilità di ritrovare Andrès vivo sono infinitesimali. Quello che le nutre è un vigoroso bisogno di giustizia e di memoria.
Da qui la preghiera rivolta al governatore Oliverio affinché si faccia portavoce della tragedia e le aiuti a portarne avanti la memoria.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Ancora sangue sulla statale 106: muore un uomo
Prossimo Articolo
'Il senatore Esposito favorì la 'ndrangheta nei lavori per la Tav'
Tiziana Bagnato
Giornalista
Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorato nell’emittente regionale Calabria Tv e per diversi anni per il quotidiano Calabria Ora, poi L’Ora della Calabria, è approdata nell’emittente St Television e sul quotidiano Il Garantista di cui è ancora firma. 

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: