OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Asi di Cosenza: condannati Diego Tommasi e Stefania Frasca

Il Tribunale collegiale chiude il processo sulla gestione “allegra” del Consorzio per lo sviluppo industriale

di Giuseppe Baglivo
mercoledì 15 marzo 2017
16:23
3 condivisioni
Cosenza, tribunale
Cosenza, tribunale

Quattro anni e 6 mesi di reclusione per l’ex presidente dell’Asi (Consorzio di Sviluppo industriale) di Cosenza, Diego Tommasi, e 5 anni di carcere per il direttore generale dello stesso Consorzio Stefania Frasca. Assolto, invece, il responsabile dell’area contabile Carlo Rango. Questa la sentenza del Tribunale collegiale di Cosenza presieduto dal giudice Enrico Di Dedda, a latere Manuele Gallo e Claudia Pingitore, nel processo per la presunta gestione “allegra” del Consorzio di sviluppo industriale.

 

Truffa, falsità documentale e abuso d'ufficio i reati, a vario titolo, contestati per fatti che coprono un arco temporale che va dal 2008 al 2014.

 

Il pm Domenico Frascino aveva chiesto la condanna a 4 anni per Stefania Frasca, 3 anni e 8 mesi per Diego Tommasi e 2 anni per Carlo Rango. I condannati quale pena accessoria sono stati anche interdetti dai pubblici uffici: in perpetuo la Frasca, per cinque anni Tommasi (fra l’altro ex assessore della regione Calabria con i Verdi).

 

Attraverso false dichiarazioni, la direttrice del Consorzio Stefania Frasca si sarebbe autoassegnata un incremento dei suoi compensi facendosi liquidare, unitamente all’allora presidente Tommasi, dei rimborsi sulla base di una semplice autodichiarazione. Le parti civili, rappresentate dall’avvocato Crescenzio Santuori, hanno ottenuto una provvisionale di oltre 220mila euro.

 

Il Tribunale di Cosenza ha, altresì, disposto la confisca delle somme e dei beni in sequestro fino alla concorrenza di 110.414 euro. Un capo d'imputazione nei confronti di Stefania Frasca e Diego Tommasi è stato infine dichiarato dai giudici estinto per intervenuta prescrizione. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 75 giorni.  

 

Giuseppe Baglivo

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Cocaina tra Lombardia, Calabria e Sicilia: 5 arresti
Prossimo Articolo
Catanzaro, controlli in viale Isonzo: denunciate 5 persone
Giuseppe Baglivo
Giornalista
Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007. Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria Ora per la redazione di Vibo Valentia dal settembre 2007 ad ottobre 2009. Nello stesso periodo per il quotidiano Calabria Ora ha realizzato molteplici inchieste riguardanti l’intero territorio regionale. Da agosto 2010 ad oggi è collaboratore della Gazzetta del Sud, redazione di Vibo Valentia, con competenza in tutti i settori (sport escluso). Dal gennaio 2013 è corrispondente unico dell’Agi (Agenzia giornalistica Italia) per Vibo Valentia e provincia. Dal novembre 2015 al 29 dicembre 2016 è stato redattore e responsabile della cronaca nera e giudiziaria del quotidiano online calabrese Zoom24.it, giornale web che ha contribuito a far nascere. Nel gennaio 2011 dalla Fondazione dedicata a Giuseppe, “Pippo”, Fava (il giornalista ucciso da Cosa Nostra il 5 gennaio 1984) ha ricevuto a Catania il Premio Nazionale “Giuseppe Fava” conferito ai giornalisti “particolarmente impegnati nella battaglia contro le mafie”. Specializzato in cronaca giudiziaria, nera e giornalismo d’inchiesta, ha seguito i più importanti processi contro la ‘ndrangheta, la corruzione nella pubblica amministrazione e la malasanità celebrati negli ultimi dieci anni in Calabria. Alcune sue inchieste giornalistiche hanno portato al commissariamento di diversi Comuni del Vibonese per infiltrazioni mafiose.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: