OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cronaca

Chiesto il processo per l'ex vice presidente del consiglio regionale D'Agostino

Inchiesta “Alchemia”, i pubblici ministeri vogliono il processo per 46 persone. Nei confronti di D’Agostino c’è l’accusa di intestazione fittizia di beni: “Stocco e stocco” sarebbe in realtà di Jimmy Giovinazzo e Francesco Gullace

di C. M.
venerdì 17 marzo 2017
20:11
31 condivisioni
Francesco D’Agostino rinviato a giudizio nell’inchiesta Alchemia
Francesco D’Agostino rinviato a giudizio nell’inchiesta Alchemia

C’è anche l’ex vice presidente del consiglio regionale Francesco D’Agostino, fra le 46 persone per le quali la Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, ha chiesto il rinvio a giudizio nell’ambito dell’inchiesta “Alchemia”.

 

Nei giorni scorsi i pubblici ministeri Roberto Di Palma e Giulia Pantano hanno chiesto il processo, con udienza fissata davanti al gup per il 20 aprile prossimo.

 

D’Agostino è accusato di intestazione fittizia di beni, aggrava dall’aver favorito la ‘ndrangheta. Secondo i magistrati, infatti, il patron dell’azienda “Stocco e stocco” di Cittanova, sarebbe un prestanome della cosca Gullace di Cittanova. D’Agostino deve rispondere del reato in concorso con Girolamo Giovinazzo, Francesco Gullace e Girolamo Raso (che però è deceduto).

 

L’ex vice presidente del Consiglio avrebbe avuto l’intestazione solo formale dell’azienda che, invece sarebbe riconducibile esclusivamente a Jimmy Giovinazzo e Francesco Gullace.

 

C’è da rimarcare, però, come in sede di provvedimento cautelare, il gip non condivise la prospettazione accusatoria, non ravvisando l’esistenza di gravi indizi di colpevolezza a carico di D’Agostino che, infatti, oggi si trova ad affrontare l’udienza preliminare nella veste di imputato a piede libero. Ecco cosa scrive a tale proposito il gip Barbara Bennato: «L’assunto accusatorio non è condivisibile, essendo dalle indagini emersa una immanente accessibilità all’azienda da parte degli indagati, leggibile piuttosto attraverso la contestualizzazione dell’attività aziendale esercitata in territori nei quali, nulla si muove ed alcuna iniziativa si intraprende senza il controllo delle cosche ivi imperanti che, anche nel corso della gestione delle imprese, non lesinano di atteggiarsi a “padroni” della stessa, le cui prestazioni e partecipazione sono gratuitamente dovute, in forza di un genetico compromesso».

 

D’Agostino, che si è sempre proclamato innocente, deve ora affrontare lo scoglio dell’udienza preliminare in un’inchiesta che ha visto coinvolti anche altri personaggi politici di rilievo, come il senatore Antonio Caridi. Secondo quanto hanno ricostruito gli inquirenti, il senatore, in occasione della tornata elettorale delle regionali 2010, sarebbe stato presente nel momento in cui uno degli arrestati, Jimmy Giovinazzo, chiese ai suoi dipendenti di votare Caridi alle elezioni. Ma non lo fece con serenità e calma. No, lo intimò pena l’eventuale licenziamento. Insomma, dipendenti e famigliari avrebbero dovuto apporre il nome di Caridi sulla scheda per continuare a conservare il posto di lavoro. È stato posto in luce, fra l’altro, come l’attività del politico di centrodestra sia stata completamente asservita agli interessi della cosca. Non solo incontri occasionali, non solo piccoli favori, ma proprio un modo di operare totalmente piegato al volere della ‘ndrangheta. Imputazione per la quale, però, non fu emessa misura cautelare, ritenendo il tutto assorbito nell’inchiesta “Mamma santissima”, per la quale Caridi si trova oggi a processo davanti al Tribunale di Reggio Calabria.

 

L'elenco delle persone per le quali è stato chiesto il rinvio a giudizio:

 

Adolfo Barone

Agrippino Sipala

Alfredo Beniamino Ammiragli

Annunziato Vazzana

Antonino Raso

Antonio Fameli

Antonio Galluccio

Antonio Pronesti

Antonio Pugliese

Antonio Raso

Candeloro Gagliostro

Candeloro Parrello

Carmelo Gagliostro

Carmelo Gullace

D’Amico Vincenzo

Demetrio Rossini

Elio Gullace

Fabrizio Accame

Fortunata Militano

Fortunato Caminiti

Francesca Politi

Francesco D’Agostino

Francesco Gullace

Gabriele Parisi

Giampaolo Sutto

Girolama Politi

Girolamo Giovinazzo

Giulia Fazzari

Giuseppe Chiaro

Giuseppe Raso

Luigi Taiano

Marco Parrello

Marianna Grutteria

Massimiliano Corsetti

Michele Albanese

Orlando Sofio

Pantaleone Contarese

Pietro Giovanni Barone

Pietro Pirrello

Rita Fazzari

Roberto Orlando

Rocco Filippone

Rocco Politi

Rosario Politi

Salvatore Mazzei

Salvatore Orlando

Vincenzo Zoccoli

 

 c. m.

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Non abbatte le opere abusive sequestrate ma ne costruisce altre. Deferito 56enne reggino
Prossimo Articolo
Cosenza, accoltella la madre durante una lite: fermato
C. M.
Giornalista
Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogli bianchi i suoi primi articoli “a colonne”.   La seconda guerra di ‘ndrangheta, vissuta negli anni dell’infanzia, lo porta a confrontarsi sin da subito con la piaga della criminalità organizzata. Durante uno dei tanti agguati, riesce a portarsi in salvo appena in tempo con la sua famiglia, prima che la scarica di piombo finisca una delle vittime predestinate, proprio davanti all’uscio di casa sua. È per questo che le letture approdano presto ai quotidiani locali e nazionali.   Inizia a collaborare a 19 anni con “Il Domani”, ma è nel 2006 che avvia la sua prima vera esperienza giornalistica di livello con il quotidiano “Calabria ora”. Dapprima collaboratore per la città di Reggio Calabria, un anno dopo diviene redattore ordinario e avvia il percorso che lo vede protagonista sino ad oggi, ossia quello riguardante la cronaca nera e giudiziaria. È quello il settore al quale decide di dedicarsi, consapevole del fondamentale ruolo giocato dal giornalismo d’inchiesta nel contrasto alla ‘ndrangheta.   Nel 2012 viene nominato caposervizio della redazione di Reggio per “Calabria ora”, ruolo che conserva sino alla chiusura del quotidiano nel frattempo divenuto “L’Ora della Calabria”. Nel 2014 approda al “Garantista”, sempre con la qualifica di caposervizio. Collabora con testate nazionali quali “L’Espresso” e “L’Avvenire”.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: