OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

Unical, arriva il corso di laurea triennale in ingegneria alimentare

Il nuovo percorso formativo è attivato al Dimes e formerà figure professionali molto richieste sul mercato del lavoro

venerdì 14 aprile 2017
08:51
79 condivisioni

Presentato all’Università della Calabria il corso di laurea in ingegneria alimentare, una delle più importanti novità dell’offerta formativa dell’ateneo di Arcavacata per il prossimo anno accademico. Riguarda un settore ritenuto strategico e formerà una figura tecnico-professionale nuova esperta dei processi industriali ma anche della cosiddetta seconda trasformazione delle materie prime alimentari, con forti competenze trasversali, riconducibili all’ingegneria meccanica e all’ingegneria gestionale, così da poter gestire tutta la filiera produttiva.

 

Dunque si tratta di una figura professionale molto richiesta dal mercato del lavoro che oggi, per ottenere le stesse cose, deve rivolgersi a molteplici figure professionali come tecnologi alimentari, chimici, agronomi, biotecnologi. I docenti promotori del nuovo corso di laurea, inserito nell’offerta formativa del DIMES (Dipartimento di Ingegneria Informatica, Modellistica, Elettronica e Sistemisica), hanno maturato una notevole e qualificata esperienza nel settore alimentare che ha consentito loro di identificare chiaramente le competenze corrispondenti ai profili culturali e professionali e le funzioni lavorative associate alla figura dell’ingegnere alimentare che sarà formato grazie al nuovo corso di studi.

 

Inoltre, nel redigere il piano dell’offerta formativa, i docenti proponenti hanno avuto modo di confrontarsi con eminenti personalità operanti, a livello internazionale, nel settore del Food Engineering, oltre che con i rappresentanti di importanti realtà produttive e associazioni di categoria attive nel settore delle trasformazioni alimentari. La figura professionale dell’ingegnere alimentare sarà in grado di comprendere le problematiche della filiera alimentare, anche in campi non strettamente correlati con l’ingegneria di processo/prodotto e svolgerà la propria funzione di tecnico, grazie alle solide competenze ingegneristiche acquisite.

 

Ancora, nell’attesa di attivare un biennio specifico, il laureato in ingegneria alimentare potrà proseguire il proprio percorso formativo iscrivendosi ai corsi di laurea magistrale in ingegneria gestionale, in ingegneria chimica e in scienze e ingegneria dei materiali innovativi e funzionali, già attivi presso l’Università della Calabria.

 

Il corso di laurea in ingegneria alimentare ha una forte connotazione interdisciplinare e consente di arricchire l’offerta formativa dell’Università della Calabria, essendo finalizzato a formare figure professionali specifiche che si faranno promotrici della crescita delle numerose piccole e medie imprese che, localmente e sul territorio nazionale, operano nel settore alimentare.

 

Dopo i saluti del rettore, prof. Gino Mirocle Crisci, quelli del delegato alla didattica, prof. Francesco Scarcello, del direttore del Dimes, Sergio Greco, il corso è stato presentato dal prof. Stefano Curcio e dal prof. Bruno De Cindio.

 

Salvatore Bruno

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
EUMENIDI | Barbanti (Pd): «Delrio commissari la Sacal»
Prossimo Articolo
22° PIANO | “Oie è Vennere Santu e nu' si cante”
Salvatore Bruno
Salvatore Bruno
Giornalista

Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche.


Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria.


Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: