OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

Il vescovo di Locri: «Non vogliamo il lavoro dalla ‘ndrangheta»

Dura reazione da parte di mons. Francesco Oliva in merito alle scritte ingiuriose comparsi a Locri all’indomani della visita di Mattarella: «Quello che vogliamo è un lavoro degno, non il lavoro per il quale si ricorre al capo pastore o al capo cantoniere o al boss di turno»

lunedì 20 marzo 2017
13:41
49 condivisioni
Mons. Oliva, vescovo di Locri
Mons. Oliva, vescovo di Locri

«Da queste parti il bisogno di lavoro è fondamentale e lo conosciamo bene da anni. Su questo problema vogliamo richiamare l'attenzione per il bene di tutti, ma noi il lavoro non lo vogliamo dalla 'ndrangheta».


Lo dice al Sir (l'agenzia ufficiale dei vescovi italiani) monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, in riferimento alla scritta apparsa questa mattina sulla facciata del vescovado di Locri: "Piu' lavoro meno sbirri".


«Quello che vogliamo - aggiunge – è un lavoro degno, che rispetti i diritti degli operai, non il lavoro per il quale si ricorre al capo pastore o al capo cantoniere o al boss di turno». Mons. Oliva, infine, richiama «i segnali che sono partiti dalla nostra diocesi attraverso il lavoro delle cooperative».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Catanzaro, cerimonia in ricordo del capo della polizia Manganelli
Prossimo Articolo
Cittadinanza onoraria del Comune di Rossano a mons. Santo Marcianò

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: