OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

'Mare nostro che non sei nei cieli', Erri De Luca sbarca a Reggio con i migranti

A bordo della nave che ha salvato 649 migranti anche lo scrittore Erri De Luca. «Stare con loro in questa nave è stato un segno indelebile che ti entra sottopelle»

di Dominella Trunfio
domenica 16 aprile 2017
12:12
2290 condivisioni

Si affaccia timidamente sul ponte della nave, qualcuno da sotto lo riconosce. E’ Erri De Luca, lui sorride, saluta e fa una foto alla task force sul molo, pronta ad accogliere i 649 migranti sbarcati al porto di Reggio Calabria.

 

«Stare con loro in questa nave è stato come fissare su di me un tatuaggio. Un tatuaggio di quello che succede in questo tempo, un segno indelebile che ti entra sottopelle».

 

Tra i migranti, c’è tutto il corno d’Africa, ma in tantissimi provengono da Bangladesh e Pakistan, tutti recuperati a largo delle coste libiche dalla nave Vos Prudence di Medecins Sans Frontières.

 

E il racconto del salvataggio, questa volta, viene proprio dalle voce, rotta dall’emozione, dello scrittore, imbarcato assieme ai medici, sulla nave da soccorso. «Queste vite umane, sono state pescate sul Mediterraneo. Uomini, donne e bambini che viaggiavano su gommoni sgonfi e stracolmi. Da lontano e poi sempre più vicino, ho visto quello che stava accadendo a bordo», racconta De Luca a Lacnews24.

 

«Erano a cavalcioni con un piede in mare e l’altro sulla poltiglia di carburante, con chiari segni di ustioni nelle caviglie. Erano lì, a mollo e io ho avuto per la prima volta in vita mia, la possibilità di vedere una cosa straordinaria: persone strappate ad una morte certa».

 

«Ad uno ad uno – continua lo scrittore- sono saliti su con una scala di corda. Nei loro occhi la sofferenza. Questi ragazzi hanno attraversato ogni tipo di ostacolo e si sono affidati a un miracolo di sopravvivenza. Sono dei combattenti delle peggiori avversità».

 

Invitato da Medecins Sans Frontières, da questa esperienza, lo scrittore ne trarrà un resoconto per diversi giornali europei.
«Ho accettato subito e sono salito a bordo per documentare ciò che succede in mare da oltre 20 anni. Per vedere da vicino lo straordinario lavoro che si fa in mare per salvare queste persone. Persone che qui a Reggio, hanno trovato un’accoglienza impensata».


«E’ domenica di Pasqua eppure tutti stanno qui, perfino le autorità. Grazie».

 

Dominella Trunfio

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
La Pasqua dei calabresi. In migliaia a Catanzaro per la naca (VIDEO)
Prossimo Articolo
Sanità in Calabria, quanto la Regione paga per far curare i pazienti al nord
Dominella Trunfio
Giornalista
Dominella Trunfio è una giornalista professionista, laureata con lode in Scienze Politiche. Ha conseguito un master in Comunicazione Pubblica e Politica.    Impegnata nel sociale, si occupa di ambiente, migranti e cronaca estera.  E’ autrice del documentario  “Vivere bene non si dice”, sulle condizioni di vita e di lavoro degli immigrati in Italia e del reportage “Viaggio tra i beni confiscati in Calabria”. Ha vinto il Premio giornalistico Alessandra Bisceglia 2011 per la comunicazione sociale e ha ricevuto una menzione speciale nel Premio Lorenzo Perrone 2012 Informare è prevenire, con l’inchiesta “Famiglia distrutta da sostanze tossiche”.    Fa parte dell’Arga Lazio, giornalisti specializzati in tematiche ambientali. Ha collaborato con AdnKronos, Tg5 Mediaset e Calabria Tv. Ha scritto per Calabria Ora, Lettera Donna e Vanity Fair. Dal 2008 si occupa di uffici stampa per il terzo settore.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: