OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

La Memoria in Marcia: a Vibo e Locri l'auto della scorta del giudice Falcone

L'iniziativa è promossa dalla moglie di Antonio Montinaro, caposcorta che guidava davanti all'auto del giudice, insieme alla sua associazione che porta il nome dell'auto: «Finalità associazione è di andare in tutte le scuole d'Italia per far capire ai ragazzi che cosa è successo nel 1992»

di Redazione
venerdì 21 aprile 2017
18:32
476 condivisioni
La memoria in marcia
La memoria in marcia

Sarzana, Pistoia, Riccione, Monte San Giusto, Napoli, Palermo, Locri e anche Vibo Valentia. Questo il percorso che compirà la "Quarto Savona 15", l'auto sulla quale viaggiava la scorta di Giovanni Falcone e che saltò in aria il giorno della strage di Capaci. Proprio a Vibo Valentia, Antonio Montinaro - uno degli agenti di scorta di Falcone - ha fatto la scuola di Polizia. Le tappe in Calabria saranno due, il 19 maggio a Vibo Valentia e il 20 maggio a Locri.

 

L'iniziativa si chiama "La memoria in marcia" ed è promossa da Tina Montinaro, moglie di Antonio Montinaro, caposcorta che guidava davanti all'auto del giudice, insieme alla sua associazione che porta il nome dell'auto: "Finalità associazione è di andare in tutte le scuole d'Italia per far capire ai ragazzi che cosa è successo nel 1992 - ha spiegato questa mattina la donna, intervenuta allo stand della polizia a Tempo di Libri -. Quella macchina, nella quale sono rimasti gli ultimi pensieri di mio marito, fece un volo di 300 metri; di quei ragazzi è rimasto ben poco ma si legge bene il contachilometri: 100287.

 

Ecco, questo numero è impresso sui braccialetti che distribuiremo. Chi lo indossa continua a far camminare quella macchina, perchè se pensavano di fermarci si sono sbagliati: oggi sono cambiate parecchie cose". L'iniziativa toccherà Vibo Valentia dal 15 al 19 maggio, quando l'auto verrà esposta alla Scuola Allievi agenti di Polizia.

 

A Palermo l'auto si fermerà alla caserma Lungaro da dove uscirono quel giorno gli uomini della scorta e il 23 maggio finirà il suo percorso nel giardino della memoria, dove è caduta dopo lo scoppio. Quello che non è soltanto un "rottame", ma un simbolo definito come  una "croce laica" da Giampaolo Trevisi, dirigente della polizia e direttore della scuola di Peschiera del Garda dove l'auto è custodita in una teca di vetro. "Ogni sera ci sono persone che portano tre rose per i tre ragazzi della scorta, Antonio, Vito e Rocco, e si commuovono. E' un esempio anche per i nostri allievi".

 

Secondo Montinaro iniziative come questa servono a combattere l'indifferenza: "Consiglio di guardare bene quel "rottame", per capire che cosa è successo quel giorno". Poi ha aggiunto un appello: "Quell'auto come la strage di Capaci non sono solo mie, ma appartengono a tutta l'Italia. Ho condiviso la vita con un uomo coraggioso e questo mi dà la forza di andare avanti". Con i suoi due figli, ora quasi trentenni, la donna ha deciso di rimanere a Palermo e da li' testimoniare: "La mia presenza in quella città deve dire tutto anche senza aprire bocca. Poi giro tutte le scuole d'Italia, dove parlo, racconto e mi emoziono ogni volta".

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Tropea: la messa nella concattedrale su Rai Uno in mondovisione
Prossimo Articolo
Graziella Baglio presenta il suo nuovo romanzo “Il lago magico”

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: