OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

Don Ciotti a Locri: «Insieme alle mafie il male del nostro paese resta la corruzione»

Intervenendo alla XXII Giornata della memoria e dell'impegno il presidente di Libera ha rivolto il suo appello anche agli uomini e alle donne di ‘ndrangheta: «Diteci almeno dove avete sepolto le vittime»

di Redazione
domenica 19 marzo 2017
11:57
9 condivisioni
Don Ciotti a Locri
Don Ciotti a Locri

«Il noi è fondamentale. Diffidate di quelli che sanno tutto. Ci siamo sempre impegnati per il noi, liberamente dettato dalle coscienze. Solo unendo le nostre capacità e le nostre competenze la speranza di cambiamento diventa forza di cambiamento. Questo procedere uniti è più urgente che mai oggi. Si mettano da parte le divisioni, i protagonismi, mettiamoci in gioco per il bene comune, la libertà e la dignità del nostro paese».


È quanto affermato da Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, intervenendo alla XXII Giornata della memoria e dell'impegno, che ha continuato: «Insieme alle mafie il male principale del nostro paese resta la corruzione. Tra criminalità organizzata e criminalità politica e criminalità economica è sempre più difficile distinguere. Lo dicono le inchieste. Dobbiamo rompere questo intreccio e spezzare l’omertà. Le mafie non uccidono solo le persone. Ma le vittime sono anche le persone vive, a cui le mafie tolgono la dignità. I servizi sociali, la scuola, restano il primo antidoto alla peste mafiosa. La nostra costituzione è il primo testo antimafia. Non può essere esercizio retorico. I nostri cari sono morti per la nostra libertà, per un ideale di democrazia che abbiamo il compito di realizzare.


E poi rivolgendosi agli uomini e alle donne della ‘ndrangheta e della mafia: «Che vita è la vostra? Ricordate che Papa Francesco ha chiesto ai mafiosi di convertirsi, di abbandonare il male. Diteci almeno dove avete sepolto le vittime. Vi chiedo e vi auguro di avere questo scrupolo, questo sussulto di coscienza, che può essere l’inizio di un percorso di vita e non di morte».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Cosenza: marcia delle organizzazioni solidali a sostegno dell'integrazione
Prossimo Articolo
Mattarella a Locri: «Lottare contro le mafie per la libertà e la democrazia»

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: