OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

Cosenza, un Carnevale multietnico. Occhiuto: «La città che vogliamo»

Oltre mille i bambini delle scuole che hanno invaso l'isola pedonale della città bruzia

martedì 28 febbraio 2017
15:03
30 condivisioni

 «Oggi su corso Mazzini abbiamo visto sfilare la Cosenza che più ci piace, bella e festosa, rappresentata dai nostri bambini e ragazzi, dai loro insegnanti, dalle loro famiglie. Ringrazio tutti per questa partecipazione calorosa che non si è rivelata soltanto un’esplosione di spensieratezza ma una viva testimonianza di quanto sia importante coinvolgere i cittadini dentro la città, nelle iniziative promosse dall’Amministrazione». Il sindaco di Cosenza Occhiuto ha percorso l’isola pedonale insieme a tanti piccoli in maschera, per la gran parata del martedì grasso, attraversando il Mab insieme agli alunni delle scuole.

 

Il primo cittadino ha apprezzato «l’intuizione degli assessori Spadafora Lanzino e Succurro per l’idea di rendere le scuole protagoniste del Carnevale. Mille giovanissimi cittadini hanno realizzato dei costumi bellissimi nel segno della creatività e della cultura, con tanti riferimenti alla storia di Cosenza. Ci ricorderemo a lungo di questo Carnevale 2017 perché in queste giornate sono stati offerti spunti per lo stare insieme e per l’aggregazione che si fa identità, proprio sulla scorta degli obiettivi che stiamo portando avanti, ovvero la riscoperta della città da vivere al meglio nei suoi spazi liberi aperti. Mi piace rimarcare – conclude Occhiuto – l’aspetto di una Cosenza multietnica che vede crescere vicini bimbi di diverse etnie e nazionalità. È questa la città che noi vogliamo».

 

Francesco Pirillo

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Sant’Eufemia Lamezia muore tra degrado e inconcludenza
Prossimo Articolo
Detenzione e spaccio di stupefacenti a Rende: arrestato 35enne

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: