OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

Cosenza, sinergie istituzionale per combattere usura e racket

Incontro promosso dal Prefetto con il rettore dell'Università della Calabria, la Camera di Commercio e l'associazione

di Salvatore Bruno
giovedì 18 maggio 2017
15:03
1 condivisioni

Il prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao ha presieduto una riunione alla quale hanno partecipato i vertici delle forze dell'ordine, il rettore dell'Università della Calabria, il presidente della Camera di commercio e i rappresentanti dell'associazione antiracket "Lucio Ferrami". Obiettivo dell’incontro quello di individuare azioni comuni di prevenzione e contrasto al fenomeno dell'usura e del racket.

 

«La recrudescenza dell'attività estorsiva – spiega il prefetto - costituisce una pesante minaccia alla libertà degli operatori economici, un freno allo sviluppo del sistema delle imprese ed è causa di impoverimento e vessazione delle famiglie, in una provincia già particolarmente sofferente e colpita dal fenomeno». Tomao, dopo aver sottolineato l’importanza del contrasto e della prevenzione, ha individuato alcune linee di azione che prevedono il coinvolgimento di enti, istituzioni ed associazioni.

 

«Le possibili iniziative – si legge in una nota - dovranno perseguire le finalità dell'emersione del fenomeno in tutti quei casi in cui esso è latente e di offrire supporto alle vittime di usura e di estorsione che, denunciando, si oppongono alle costrizioni criminali. Tra le ipotesi esaminate, un percorso di promozione della cultura della lotta al fenomeno criminoso con l'Università della Calabria e la possibilità di aprire presso la Camera di Commercio uno sportello informativo a sostegno degli imprenditori e degli esercenti commerciali. Altre forme di sinergia interistituzionale sono al vaglio della Prefettura».

 

Salvatore Bruno

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Il ponte di Celico spaventa i genitori degli studenti in gita: si cambia percorso (VIDEO)
Prossimo Articolo
Catanzaro, impianto rifiuti ad Alli: il Tar rigetta il ricorso della Daneco
Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: