OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

Separazione delle carriere tra giudici e pm, incontro a Cosenza (INTERVISTA)

I radicali e la Bernardini sono determinati a depositare la proposta di legge di iniziativa popolare per raggiungere l’obiettivo e hanno incassato il sostegno dell’europarlamentare grillina Laura Ferrara, del socialista Franz Caruso, di Jole Santelli di Fi e di Enza Bruno Bossio del Pd

lunedì 19 giugno 2017
16:48
3 condivisioni
L’incontro a Cosenza
L’incontro a Cosenza

La carovana della giustizia guidata dalla radicale Rita Bernardini, che prosegue da oltre 20 giorni lo sciopero della fame, ha concluso il suo tour della Calabria a Cosenza al Museo del presente.

Ed è riuscita in un piccolo miracolo: mettere intorno allo stesso tavolo gli avvocati penalisti, rappresentati dal presidente della Camera penale di Cosenza Antonio Feraco e la politica, dalla maggioranza all’opposizione, per discutere di una riforma che si insegue da lunghissimi anni: la separazione delle carriere tra giudici e Pm.

 

I radicali e la Bernardini sono determinati a depositare la proposta di legge di iniziativa popolare per raggiungere l’obiettivo e, nel frattempo, hanno incassato il sostegno dell’europarlamentare grillina Laura Ferrara, che ha partecipato al convegno da Bruxelles, del socialista Franz Caruso, di Jole Santelli di Fi e di Enza Bruno Bossio del Pd. Ed anche quello del sindaco di Rende Franco Manna.

 

Ma il tour della nostra Regione, fortemente voluto dall’avvocato reggino Gianpaolo Catanzariti, ha ottenuto anche un altro e importante risultato a sostegno della battaglia radicale: 2500 firme che si aggiungono alle oltre 40 mila raccolte in poco più di un mese.

 

Il presidente della Camera Penale Feraco e il sindaco Manna hanno sottolineato l’importanza della proposta di legge in un momento in cui si sta approvando una riforma del processo penale in cui si affievoliscono le garanzie dell’imputato. «L’Unione delle Camere Penali sta organizzando praticamente un’astensione dalle udienze alla settimana nell’indifferenza totale, anche da parte dei mezzi di informazione».

 

E se non sorprende la posizione della deputata di Fi Jole Santelli che ricorda come la separazione delle carriere abbia una vera e propria previsione normativa all’interno della Costituzione che fini qui è stata disattesa, si fa notare il sostegno convinto da parte dell’europarlamentare grillina Laura Ferrara. «Si tratta di una battaglia di civiltà» ha detto la Ferrara che ha ricordato come esistano diverse risoluzioni del Parlamento Europeo per separare le carriere dei magistrati «che l’Italia continua ad ignorare».

Il socialista Caruso, constatando l’accordo dei diversi gruppi politici coinvolti, ha invitato a spingere sull’acceleratore in Parlamento «sperando di non dover assistere a voltafaccia come quello avvenuto sulla proposta di legge in tema di responsabilità civile dei magistrati».

Enza Bruno Bossio ha assicurato il massimo impegno in Parlamento per far passare in Parlamento una legge che «serve anche a romperle la subalternità della politica rispetto alla giustizia. E’ da almeno tre legislature che non si parla più di questo argomento e già riaprire il dibattito lo considero un passaggio assai significativo».

 

Conclusioni affidate a Rita Bernardini che non ha nascosto la soddisfazione per i risultati raggiunti. «Abbiamo superato quota 44mila firme raccolte – ha detto – e anche le Unioni delle Camere Penali che ci stanno accompagnando in questo percorso sono sorprese dal grande successo dell’iniziativa nonostante il boicottaggio dei mezzi di informazione».

 

 

Riccardo Tripepi

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Rende, vasto incendio nei pressi della frazione Sant’Agostino (VIDEO)
Prossimo Articolo
Amministrative a Catanzaro, assegnato l’ordine dei candidati per il ballottaggio
Riccardo Tripepi
Riccardo Tripepi
Giornalista

Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari.


Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv.


Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro.


E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: