OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Attualità

Catanzaro: l’ultimo saluto a monsignor Ciliberti

Nella Cattedrale in tanti hanno onorato la memoria dell’arcivescovo emerito di Catanzaro- Squillace. Nell’omelia, l’arcivescovo Bertolone, esprimendo vicinanza paterna ai familiari, ha tratteggiato le doti di semplicità, umanità e fede del prelato

di Rosaria Giovannone
martedì 4 aprile 2017
09:51
22 condivisioni

“Ad Jesum per Mariam” è il motto episcopale che  mons. Ciliberti  ha trasmesso a tutti, ricordando che come Gesù, il Salvatore, è venuto in mezzo a noi per mezzo della Vergine Maria, così anche noi andremo a Cristo, nostra salvezza per mezzo di Maria. 

 

Ieri sera, nella Cattedrale di Catanzaro, in tanti hanno dato l’ultimo saluto a Mons. Antonio Ciliberti, Arcivescovo emerito di Catanzaro-Squillace.  La salma, giunta da Roma, è stata accolta dall’arcivescovo metropolita Mons. Vincenzo Bertolone, dai sacerdoti, diaconi, autorità e fedeli laici giunti anche dalle diocesi di Rossano-Cariati, Locri-Gerace e Matera-Irsina, dove l’Arcivescovo Ciliberti è stato pastore.

 

La concelebrazione, presieduta dall’Arcivescovo Bertolone, presidente dell’episcopato calabro, ha visto la presenza anche dagli eccellentissimi Vescovi: Cantisani, Lucibello (Nunzio apostolico), Marcianò (ordinario militare), Battaglia, Bonanno, Renzo, Oliverio, Rimedio, Savino, Ligorio, Superbo, Morosini, Mondello, Milito, Caiazzo, Nolè, Cantafora e Nunnari. 

 

Numerose le autorità civili e militari giunte da più parti della regione accolte anche dal sindaco della città Sergio Abramo e dal presidente della provincia Enzo Bruno. Nell’omelia, l’Arcivescovo Bertolone, esprimendo vicinanza paterna ai familiari, ha tratteggiato la persona di mons. Ciliberti nella sua semplicità, umanità e nella sua fede al Signore.  «Siamo qui - queste le parole del Presule - per una celebrazione di vita, per l’ultimo saluto, per pregare per la sua anima benedetta. Ma siamo qui anche per riflettere sul mistero della morte. L’inattesa notizia di questo decesso è attraversata da diversi sentimenti: il dolore, il turbamento, la riconoscenza e la gratitudine per quanto egli ha fatto per la Chiesa calabro-lucana. Ed ora, per sua espressa volontà, riposerà nella cripta di questa chiesa, accanto a  mons. Fiorentini ed a mons. Fares. Infatti, il 29 maggio 2011, rivolgendosi al nuovo arcivescovo che prendeva possesso della Arcidiocesi, gli aveva detto: “Grazie e arrivederci, nella speranza che, dopo il pellegrinaggio terreno, anche il mio corpo riposerà in pace tra voi”».

 

«Le persone ordinate e consacrate - ha evidenziato Mons. Bertolone - sono nella Chiesa, segni visibili ed efficaci di Gesù pastore attraverso i quali il Signore vivente continua a essere presente e a guidare la sua Chiesa: ed è ciò che mons. Ciliberti si è sforzato di fare con il suo magistero, i diversi interventi, i messaggi alla città e le lettere pastorali. Si è dunque adempiuta anche per lui la parola di Gesù: “Io sono il buon pastore”. La similitudine del pastore buono, è quella che più gradiva e certamente quella che più gli si addiceva e lo dimostrano le sue visite pastorali alle parrocchie ed alle realtà ecclesiali del territorio mediante le quali egli come buon pastore appunto, ha conosciuto e incontrato i fedeli, donando loro gioia e seminando speranza nel cuore di tanti sacerdoti, diaconi, religiosi, religiose e laici che ne conservano ancora oggi un ricordo vivo».

 

Affidando l’anima di Mons. Ciliberti nelle mani Padre celeste, certi che l’uomo è stato creato per l’immortalità e per la  resurrezione,  l’Arcivescovo Bertolone ha così concluso la sua omelia: «E tu, carissimo vescovo Antonio, ricordati di noi, ricordati di questa Chiesa di Catanzaro-Squillace, che hai tanto amato e hai onorato con il tuo ministero. Intercedi per la tua e nostra diocesi, affinché il Signore la benedica con la grazia di numerose e sante vocazioni alla vita consacrata e al ministero ordinato».

 

Commuovente anche il telegramma di cordoglio inviato dal Santo Padre, Papa Francesco, attraverso il segretario di Stato Vaticano Cardinale Pietro Parolin,  letto dal Vicario generale Mons. Gregorio Montillo. In tanti in chiesa non ha saputo trattenere le lacrime, rivivendo ricordi che non potranno mai essere cancellati, poiché vissuti con amore e verità alla luce della Parola di Dio. A tutti mons. Ciliberti si è rivolto veramente come un pastore profetico e di comunione, un pastore delle scelte coraggiose che  non ha avuto paura, anche dinanzi a difficoltà, di annunciare il Vangelo ad ogni costo, lavorando in sinergia con gli organismi di partecipazione ecclesiale e le istituzioni.

 

In tanti in chiesa non ha saputo trattenere le lacrime, rivivendo ricordi che non potranno mai essere cancellati, poiché vissuti con amore e verità alla luce della Parola di Dio. A tutti mons. Ciliberti si è rivolto veramente come un pastore profetico e di comunione, un pastore delle scelte coraggiose che  non ha avuto paura, anche dinanzi a difficoltà, di annunciare il Vangelo ad ogni costo, lavorando in sinergia con gli organismi di partecipazione ecclesiale e le istituzioni.

 

Rosaria Giovannone

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
San Nicola Arcella tra le spiagge più belle d’Italia
Prossimo Articolo
Criminalità organizzata, Gratteri: «La Brexit? Un vantaggio per le mafie»
Rosaria Giovannone
Giornalista
Rosaria Giovannone, giornalista professionista, vive a Lamezia Terme. Da anni componente dell’ufficio per le comunicazioni sociali della CEC (Conferenza episcopale calabra) e, dal 2016, scrittrice di Zenit, agenzia di informazione internazionale fondata da San Giovanni Paolo II. Dal 2007 ha maturato esperienza giornalistica in ambito televisivo svolgendo la funzione di caporedattrice e conduttrice del telegiornale per le emittenti televisive Telespazio tv e Calabria tv. Dal 2005 ha collaborato per il quotidiano “La Gazzetta del Sud”, il “Quotidiano del Sud”, il quindicinale “Comunità nuova” e il settimanale “Lamezia Nuova”.   Negli anni ha acquisito esperienza nell’ambito della comunicazione religiosa. Dal 2013 al 2015 è stata conduttrice del programma di approfondimento religioso “Nella fede della Chiesa”, in onda sull’emittente televisiva Padre Pio Tv. Nel 2014 ha ideato e condotto il documentario “Il senso della visita” dedicato alla visita di Papa Francesco a Cassano allo Ionio, in onda sull’emittente televisiva Padre Pio tv. Nel 2011 è stata inviata per il programma dell’emittente regionale Video Calabria, “Lo spazio della carità”, realizzato nell’attesa della visita papale di Benedetto XVI a Lamezia Terme. Nel 2007 ha conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione all’Università "La Sapienza" di Roma.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: