OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Agostino Pantano

Il terzo “bronzo di Reggio”: senza nome nel Museo dell’ipocrisia e del tempo immobile

Ha suscitato polemiche e opinioni contrastanti la foto del migrante nudo sulla spiaggia reggina

di Agostino Pantano
martedì 4 luglio 2017
09:12
91 condivisioni
Reggio Calabria, giovane nudo sulla spiaggia
Reggio Calabria, giovane nudo sulla spiaggia

Non arriva dal mare l’ultimo “bronzo di Reggio Calabria”. E’ nudo, sì, e nella foto che tanto fa discutere lo si vede sulla battigia, ma non affiora dalle acque, semmai ci va incontro. E’ un ragazzo, mica un guerriero con barba e braccio ad elmo come i suoi predecessori di Riace, e, anche se come le statue “A” e “B” è nato in un altro mondo, la sabbia di questo nostro mondo l’ha già toccata da un pezzo. E’ un “africano di Calabria”, quindi un nero e un meridionale, e la sua immagine mentre senza veli va verso il mare per farsi un bagno – vera o finta che sia – sta tenendo Reggio in angoscia: ovviamente, sui social non si parla d’altro e gli organi d’informazione si adeguano.

La destra l’ha preso come modello anonimo del libertinaggio degli stranieri sfacciati; la sinistra ne difende la libertà di farsi un bagno nudista: categorie superate, certamente, ma altra sintesi in riva allo Stretto dei “Boia chi molla” sarebbe poco azzeccata.

Dunque, la città ha un terzo “bronzo" finito questa volta nel museo delle opinioni di massa, viscerali, da dove siamo certi che nessuno – governi, ministri, soprintendenti, colonnelli di qualche esercito politico – verrà questa volta a proporne delocalizzazioni, trasferimenti, restauri. Il “bronzo” che va verso il mare a Reggio rimane, a Reggio – chi lo vuole e chi non lo vuole – lo troveremo nei prossimi anni, esposto nel campionario delle solite mercanzie: la pagliuzza e la trave.

 

L’aeroporto stenta ?

Il “bronzo” immobile sulla spiaggia ci ricorderà che questa città – senza movimento - non ha chi la difenda.

Il porto metropolitano chiude ?

Il “bronzo” ci assalirà col peggiore dei sospetti: vuoi vedere che gli africani parlano l’inglese meglio di noi ?

La sua colpa - giovane, nudo, senza vergogna e sulla nostra spiaggia – è quella che nel mare dei miti si è fatto immortalare in un viaggio inverso: il “bronzo” sta sulla nostra terraferma, insicura, mica riemerge dal mare dei miti dove anche da Morgana ci facciamo ingannare.

 

Egli è sicuro uno di noi, bambino al gioco della ragion di Stato, ed è per questo che – da buoni reggini – lo massacriamo per l’invidia del suo tuffo libero, oppure lo vezzeggiamo come un qualsiasi “compare” che incontriamo sul Corso. Dovremmo andargli incontro, invece, spiegargli qualche altro tipo di gioco: la convivenza. Svezzarlo nelle nostre famiglie, nelle nostre scuole, mica nelle associazioni no profit che sembrano riserve indiane col timbro delle Prefetture e commercialista pronto.  

Invece diventerà museo con un ricordo da ammirare o rifiutare, scandalo, al termine di questa orgia di commenti social, di questo sfogo fra dirimpettai della stessa nostrana disperazione: neanche un rigo sulla stampa nazionale, non essendoci Vasco Rossi – o peggio la ‘ndrangheta – di mezzo. Un ricordo bruciato ai tempi dei social.


E allora, che fare ?

Intanto, se museo deve essere, occorre dargli un nome, anche di fantasia e nel rispetto della sua probabile minore età. Strapparlo al destino a-nomico che nel museo nazionale è dei suoi predecessori. Chiamarlo Libero, oppure Otello, poco importa: ma trattenerlo al di là di questi giorni, come simbolo di una città scentrata finanche nei dibattiti. Specchio fedele, non dei perditempo di Face Book – non possiamo permetterci di sottovalutare questo spazio di democrazia – ma del nostro futuro: ci sarà sempre “un bronzo” in più su questa terra dolente, nudo, minore e non accompagnato; ci saremo sempre noi, a stare ben attenti alle “vergogne” degli altri.

Ci fu un tempo in cui sulla stessa spiaggia dove è stato pizzicato questo terzo “bronzo”, dei fotografi di un prestigioso giornale inglese piazzarono delle siringhe per poter dire: a Reggio c’è anche la droga, oltre alla mafia, il degrado, oltre alla lupara. 

Oggi, passati almeno due decenni, il dubbio della foto farlocca ci viene ugualmente, ma, oggi la città è matura: saprebbe dire, questa volta, che non è “colpa dei giornalisti” ma di se stessa?

 

Agostino Pantano                         

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Omicidio Prestia, Marina sfida i “mondi chiusi”. Social e onore porteranno giustizia?
Agostino Pantano
Giornalista
Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.   Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.   È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: