OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
cosenza covelli casali

Cosenza, j'accuse di Covelli: «Casali e Caricchio nel degrado»

Secondo il capogruppo Pd a Palazzo dei Bruzi i quartieri della città lontani dal centro sono preda dell'incuria

di Salvatore Bruno
giovedì 18 maggio 2017 | 14:52

La commissione ambiente di Palazzo dei Bruzi si è recata nei quartieri di Cosenza Casali e Caricchio per un sopralluogo riscontrando, si legge in un comunicato a firma del capogruppo Pd Damiano Covelli, «degrado ed incuria assoluti. Coperture di amianto su capannoni che sono un serio pericolo per la salute pubblica; totale abbandono del Palazzetto dello Sport, che fino a qualche anno fa era una struttura sportiva che serviva tante associazioni del territorio; villetta di Casali che per i cittadini rappresenta ormai un pericolo e non certamente un luogo di svago.


Abbiamo, in diverse occasioni - aggiunge l'esponente democrat - segnalato la situazione degradante di questi e di altri quartieri della città: via Popilia, via degli Stadi, San Vito, centro storico e frazioni, oggetto della nostra attenzione di consiglieri attraverso numerosi sopralluoghi. Nulla è successo – insiste Covelli – I quartieri della città, non appena ci si allontana dal centro, sono specchio di un'azione amministrativa, o modello, che non guarda alla città nel suo complesso e nei suoi problemi, riservando tutta la sua attenzione all'effimero.

Il sindaco ha il dovere di intervenire, davanti a tutto ciò non può far finta di nulla e girarsi dall'altra parte, verso un “bello” che soltanto lui vede».

 

Salvatore Bruno

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta