OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
ospedale lamezia lamezia terme protesta ospedale

Secondo giorno di sit in all'ospedale di Lamezia, ma la città e la politica latitano

Il coordinamento “Sanità 19 marzo” continua con tenacia a presidiare il nosocomio contro il lento depauperamento dei servizi e riduzione dei reparti, ma scarsa è la partecipazione dei cittadini e anche la politica, con rare eccezioni, rimane ai margini

di Tiziana Bagnato
martedì 16 maggio 2017 | 13:19

Prosegue il sit in del coordinamento “Sanità 19 marzo” davanti ai cancelli dell’ospedale Giovanni Paolo II a difesa del presidio e in opposizione al progressivo e rapido smantellamento del nosocomio. Ma nonostante la decadenza dei servizi, la penuria di personale, l’accorpamento e il ridimensionamento dei reparti e la soppressione di diversi di questi, siano elementi inoppugnabili, scarsa è stata la partecipazione al presidio.

 

Lamezia, nuovo sit in a difesa dell'ospedale

Chi si aspettava, insomma, che dopo la grande manifestazione del 19 marzo 2016, da cui il coordinamento prende il nome, la città avesse intenzione di replicare si è dovuto ricredere. In pochi hanno, infatti, preso parte al presidio. E anche la politica è stata in disparte. Con l’eccezione del consigliere regionale Mario Magno che ha preso l’impegno di farsi ambasciatore con il governatore e il dirigente generale Pacenza delle istanze del coordinamento, del sindaco e di qualche consigliere comunale. 

Poca fiducia nelle potenzialità delle azioni di protesta forse?

Tiziana Bagnato

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
DALLA SEZIONE
ARTICOLI PIU' LETTI
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta