OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
calabria ecoreati inquinamento ambintale

Ecoreati, la Calabria maglia nera per numero di contestazioni

È la regione con il maggior numero dei sequestri e di contestazioni del delitto di inquinamento ambientale pari a 28. È quanto emerge dal bilancio tracciato da Legambiente

martedì 16 maggio 2017 | 12:26

Nel 2016, le forze di polizia hanno contestato ben 574 ecoreati, più di uno e mezzo al giorno, denunciando 971 persone fisiche e 43 persone giuridiche (aziende), emettendo 18 ordinanze di custodia cautelare e sequestrando 133 beni per un valore che sfiora i 15 milioni di euro.


È quanto emerge dal bilancio tracciato da Legambiente in un dossier dedicato alla legge, entrata in vigore 2 anni fa, sugli ecoreati.
La Campania è la regione con il numero più alto di ecoreati contestati lo scorso anno (70), segue la Sardegna con 67 e l’Umbria con 66. La Sardegna registra il record di denunce di persone fisiche (126), seguita dalla Liguria (99), dalla Puglia (87), mentre il maggior numero di persone giuridiche denunciate è stato contestato in Abruzzo (16), seguito dalla Sicilia (14) e dalla Calabria (8). I 18 arresti sono stati effettuati in Puglia (14) e in Abruzzo (4).


La regione con il maggior numero di sequestri è stata la Calabria (43), seguita da Abruzzo, Sicilia e Umbria (17) e dal Lazio (11).

Inquinamento ambientale. Passando alla rassegna dei singoli delitti, si registrano 143 contestazioni del delitto di inquinamento ambientale (art. 452 bis), che hanno portato alla denuncia di 298 persone fisiche e 35 persone giuridiche, 4 arresti e 74 sequestri per un valore di oltre 6 milioni di euro.

 

La Calabria è in questo caso la regione con il più alto numero di contestazioni, pari a 28 (con 51 persone fisiche e 8 persone giuridiche denunciate e 26 sequestri), seguita dall’Abruzzo (22), dalla Sicilia (21).

Disastro ambientale. Il delitto di disastro ambientale (art. 452 quater), sicuramente quello più pregnante sia in termini di sanzioni che di accertamento delle responsabilità, è stato contestato 13 volte, coinvolgendo 63 soggetti fisici e 2 giuridici, con 14 arresti.
La Puglia è di gran lunga la più coinvolta da questa tipologia di indagini con 8 casi contestati (39 denunce e14 arresti, questi ultimi legati all’operazione Poseydon svolta nel Golfo di Taranto),mentre 1 caso ciascuno ha interessato la Calabria, la Liguria, le Marche, la Sicilia e la Sardegna.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta