OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
omicidio cirò marina antonella lettieri cirò crotone fuscaldo

Omicidio Lettieri, oggi le analisi sulla ciocca di capelli dell'assassino

Le analisi riguarderanno anche le tracce di pelle rinvenute sotto le unghie di Antonella. Intanto, sono state ritrovate nel piatto doccia della casa di Salvatore Fuscaldo tracce di sangue compatibili con quello della commessa di Cirò Marina

di Tiziana Bagnato
martedì 21 marzo 2017 | 10:51

I capelli ritrovati tra le dita di Antonella Lettieri e le tracce di pelle dell’assassino sotto le sue unghie. Sono questi gli elementi a cui stanno lavorando in queste ore i periti medico legali incaricati dalla Procura. Momenti febbrili questi in cui i pezzi del puzzle a disposizione degli investigatori aumentano e sembra stiano combaciando tutti.

 

Meno di 24 ore fa veniva, infatti, reso noto che sul piatto doccia dell’appartamento di Salvatore Fuscaldo, l’unico indagato in carcere, sono state ritrovate tracce di sangue compatibili con quello della commessa uccisa a Cirò l'otto marzo scorso. Sempre nella giornata di ieri la trasmissione di Rai Tre “Chi l’ha visto?” comunicava con una nota ufficiale il ritrovamento sotto al corpo di Antonella di un portachiavi con l’effigie di un’associazione di caccia. La stessa immagine riportata su un adesivo collocato sul parabrezza dell’auto di Fuscaldo. Attaccata al portachiavi la chiave che apre l’ingresso sul retro della casa di via Cilea, mentre sembra essere sparito dall’appartamento un altro mazzo di chiavi. Elementi ovviamente in mano agli investigatori sin da subito che hanno però atteso prima di diffonderli.

 

Sempre il format Rai ieri aveva diffuso la notizia di un altro ritrovamento ad opera dello Squadrone Eliportato Carabinieri Cacciatori "Calabria". Si tratta di una copertina da divano trapuntata con evidenti tracce di sangue rinvenuta in un vigneto accanto a quello in cui presta lavoro come bracciante Fuscaldo.

 

Intanto a fare da ombra ai periti è l’avvocato della famiglia Mariano Salerno che si sta dedicando in toto al caso rivestendo la doppia veste di legale e di spalla della famiglia Lettieri. Da ieri sono nelle mani del Ris di Roma il cellulare della vittima, che potrà indicare tramite i tabulati telefonici e le chat che tipo di rapporto ci fosse tra Antonella Lettieri e Fuscaldo e le immagini della telecamera di videosorveglianza di un vicino che potrebbero avere inquadrato chi si è intrufolato nell’abitazione utilizzando una copia della chiavi.

 

Tiziana Bagnato

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta