OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
inchiesta robin hood nazzareno salerno sospeso consiglio regionale

Inchiesta Robin Hood, Nazzareno Salerno sospeso dal Consiglio regionale

Al suo posto il 27 marzo entrerà in Consiglio regionale Mario Magno, vicecoordinatore provinciale di Forza Italia a Catanzaro

di G. B.
lunedì 20 marzo 2017 | 17:15
Inchiesta Robin Hood, Nazzareno Salerno
Inchiesta Robin Hood, Nazzareno Salerno

Il Consiglio dei ministri ha sospeso e “congelato” dalla carica di consigliere regionale, Nazzareno Salerno (Forza Italia),di Serra San Bruno, arrestato il 2 febbraio scorso nell’ambito dell’inchiesta denominata “Robin Hood” con l’accusa di truffa e di essersi appropriato di parte dei fondi destinati al Credito sociale. Altre accuse riguardano il voto di scambio ed una tangente da 230mila euro. Il 27 marzo verrà così sostituito in Consiglio regionale da Mario Magno, vicecoordinatore provinciale di Forza Italia a Catanzaro.

 

La sospensione sarà efficace sin quando Nazzareno Salerno resterà sottoposto ad una misura cautelare. Attualmente si trova in carcere, avendo il Tribunale del Riesame di Catanzaro rigettato l’istanza di scarcerazione avanzata dalla difesa.  

 

Il “ritratto” di Nazzareno Salerno.E’ stato eletto, nella circoscrizione centrale (Catanzaro-Lamezia-Vibo-Crotone) per Forza Italia con 9.163 preferenze alle ultime elezioni regionali. In quella precedente (eletto nel marzo 2010) è stato prima presidente della III Commissione “Attività sociali, sanitarie, culturali, formative”, poi assessore al Lavoro e formazione.E' vicepresidente della I Commissione "Affari istuzionali, Affari generali, Riforme e decentramento".

 

Ex Dc, ex Ccd, ex An, ex Ncd, poi Forza Italia, Nazzareno Salerno è nato l’1 marzo 1965 a Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valentia, lui stesso nel sito della Regione Calabria si definisce “imprenditore nel settore delle costruzioni”. Nei primi anni Novanta, è stato assessore ai Lavori pubblici nel Comune di Serra e per due volte consecutive, nel 1993 prima e nel 1997 dopo, è stato eletto sindaco. Già consigliere provinciale di Vibo Valentia nel 1999, è stato Presidente del Consorzio industriale di Vibo. Ha rivestito l’incarico di vicepresidente nazionale dell’Aicre (Associazione italiana dei Comuni e delle Regioni d’Europa). Ha ricoperto il ruolo di commissario liquidatore del Consorzio agrario provinciale di Cosenza.

 

La descrizione che ne fanno i magistrati della Dda di Catanzaro è però poco rassicurante. “Si tratta di una figura ambigua – scrivono i magistrati - nota agli uffici giudiziari sin dal 1993. Il testimone di giustizia Giuseppe Masciari, di Serra San Bruno, ex imprenditore, lo individua come soggetto vicino al boss Vallelunga Damiano nel verbale del 22 gennaio 2014 in ordine ad una testimonianza resa innanzi al Tribunale di Vibo Valentia”. Nell’inchiesta “Robin Hood” ad accusare Nazzareno Salerno per il reato di voto di scambio anche i collaboratori di giustizia: Loredana Patania, di Stefanaconi e Andrea Mantella, di Vibo Valentia.

 

 g.b.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta