OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
violenza sessuale prostituzione san ferdinando reggio calabria

Ridotta in schiavitù e costretta a prostituirsi: arrestata una donna a San Ferdinando

La donna, irreperibile da alcuni mesi, avrebbe agito in concorso con il fratello già arrestato lo scorso novembre. I due avrebbero costretto la connazionale nigeriana anche a versare loro l’intero importo di ogni prestazione sessuale

giovedì 16 marzo 2017 | 17:13

Nel corso di specifici servizi di polizia giudiziaria svolti nei giorni scorsi all’interno della tendopoli di San Ferdinando, personale della Squadra Mobile e del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro, ad esito di mirata attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi, ha sottoposto a fermo d’indiziato di delitto di iniziativa, Joy Omorodion, cittadina extracomunitaria di nazionalità nigeriana, in quanto gravemente indiziata del reato di concorso in riduzione in schiavitù, concorso in sequestro di persona e sfruttamento della prostituzione e violenza sessuale.

 

La donna è infatti accusata di aver, con il fratello Sunday Omorodion (tratto già in arresto in flagranza di reato nel mese di novembre 2016), ridotto in schiavitù la connazionale ventenne B.I., approfittando della sua situazione di vulnerabilità, mantenendola in uno stato di soggezione fisica e psicologica continuativa, nonché tenendola segregata, in condizioni igieniche pessime, in una stanza di un appartamento di Rosarno e costringendola a prostituirsi.

 

La giovane era altresì obbligata a versare loro l’intero importo di ogni prestazione sessuale, minacciandola di infliggerle lesioni personali e di uccidere i congiunti nel suo Paese di origine, se non si fosse prostituita per riscattare il debito di 20mila euro contratto per raggiungere l’Italia.

 

La donna, oggi raggiunta da un provvedimento di fermo di indiziato di delitto si era resa irreperibile ed è stata nei giorni scorsi rintracciata all’interno della tendopoli. Il fermo è stato poi convalidato dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Palmi che applicava, , nei confronti della donna, la misura cautelare della custodia in carcere.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:
Seguici su
Lactv.it © - LACNEWS24 - La Calabria che fa notizia
Dir. Resp. Pasquale Motta